L’ignoranza di La Russa sui liberali

“Domenica sera, nella trasmissione Otto e mezzo di Porro e Telese, il coordinatore del PDL Ignazio La Russa ha affermato con enfasi che De Gasperi poteva permettersi di seguire la strada delle coalizioni politiche su scelte programmatiche in quanto trattava con i liberali che erano contenti di esserci senza porre nessuna condizione. Questo concetto è una ridicola offesa alla verità storica. Basti dire che i liberali di quell'epoca determinarono prima, con Luigi Einaudi, il salvataggio dell'economia italiana nel dopoguerra e poi, con Gaetano Martino, l'avvio concreto della costruzione europea dopo l'affondamento da parte dei francesi. Due risultati epocali per l'Italia e non solo, che il PDL neppure si sogna di aver prodotto.

La crassa ignoranza di La Russa è il frutto peloso della storia personale sua e del suo partito, disinteressato per natura alle idee politiche e al ragionare politico sui problemi reali, concentrato come è sul far propaganda per raggirare gli italiani e garantirsi la gestione del potere, a scapito del realizzare riforme davvero utili per la convivenza”.

Lo ha dichiarato Raffaello Morelli, Presidente dei Liberali.

Lascia un commento