Anas. Piffari (IDV): Nuovi pedaggi il Governo come Ponzio Pilato

Italia dei Valori Lombardia

“Tra maggio e luglio 2010 – ha dichiarato il Capogruppo IDV in Commissione Ambiente, Sergio Piffari – il Governo ha introdotto il pedaggiamento delle autostrade e dei raccordi gestiti direttamente da Anas e l’assegnazione di parte dei proventi derivanti dalle sanzioni per le violazioni del codice stradale per far fronte alle spese di manutenzione e gestione delle infrastrutture e per investimenti futuri.
Questa scelta, capace di fruttare all’incirca 150 milioni di euro, giustificata dal punto di vista di un risparmio per l’erario in realtà puntava a rimpinguare una voce in capitolo di bilancio pari a zero”.

“Oggi, però, di fronte alle richieste di abrogazione di queste norme, il brio dimostrato l’anno scorso dal Governo pare svanito.
Il Ministro delle Infrastrutture – ha proseguito Piffari – dovrebbe chiarire la propria posizione e, con essa, quella di tutto l’esecutivo, senza trincerare la propria posizione dietro un parere negativo espresso, tra l’altro, da un Dipartimento alle dirette dipendenze del Ministero.
O si conferma quanto stabilito l’estate scorsa sulla necessità di nuovi pedaggi, oppure si ammette di aver sbagliato a pensare di raggranellare altre risorse dalle tasche degli automobilisti”.

“L’inversione del senso di marcia in autostrada, oltre a essere vietata, evidentemente è pericolosa anche per il Governo. Comprendo l’imbarazzo per l’eventuale deficit di risorse che la cancellazione dei nuovi pedaggi introdotti provocherebbe, tuttavia – ha concluso l’esponente IDV – l’introduzione di sempre nuove ‘gabelle’ e l’atteggiamento ‘pilatesco’ non sono certo da meno”.

Lascia un commento