In Italia Università  sempre più costosa

Il viceresponsabile per l’Istruzione dell’Italia dei Diritti: “ Sostenere costi molto elevati per istruirsi significa, nella pratica quotidiana, permettere di studiare ai figli delle famiglie economicamente più solide”

Roma, 13 luglio 2011 – In Italia non ha vita facile chi decide di iscriversi ad un corso universitario, soprattutto se non si possiede un cospicuo portafogli. Secondo ricerche nazionali, gli studenti degli atenei del Nord pagano il 13% in più rispetto alla media nazionale ed il costo complessivo di un corso universitario varia dalla facoltà scelta, decisione influenzata dalle risorse economiche disponibili.

“Non avere soldi per finanziare le università perché dilapidati e/o rubati, e di conseguenza dover gravare sulle spalle dei cittadini per tirare avanti – osserva Cesare De Sessa, viceresponsabile per l’Istruzione dell’Italia dei Diritti -, equivale a ripristinare una logica non di merito, come i politici si affannano a dichiarare a gran voce. Piuttosto significa, nella pratica quotidiana, permettere di studiare ai figli delle famiglie economicamente più solide. In buona sostanza – continua De Sessa -, un ritorno al passato peggiore. Insomma, la differenza, ieri come oggi e purtroppo anche domani, nel nostro Paese (più che in altri) la fa il denaro. Né c’è da meravigliarsi, basta riflettere un attimo sugli scandali che, da destra come da sinistra, vedono quotidianamente i nostri politici alla ribalta, il movente è sempre uno: il denaro”.

L’Università pubblica italiana sembrerebbe diventare man mano un’esclusiva per ricchi, rispetto ad alcuni Paesi europei, come la Svezia, che offrono un’istruzione elevata a costo zero: “Il fatto che l’istruzione universitaria, meno qualificata di molte europee, costi parecchio di più è uno dei tanti sintomi dell’Italia, affetta da molti, troppi mali – spiega l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro -. Investire sulle nuove generazioni e su un’università economicamente più accessibile è proprio di un Paese che guarda al futuro, perché offre ai giovani delle chance. Se una classe dirigente non riesce dunque ad esprimere altri valori e interessi se non quello dei soldi – conclude De Sessa -, come immaginare che possa pensare ai giovani e al loro futuro in termini diversi da quello che rappresenta la sua sola preoccupazione, il suo unico assillo?”.

Ufficio Stampa Italia dei Diritti

Addetto Stampa

Eleonora Pochi

Capo Ufficio Stampa

Fabio Bucciarelli

Via Virginia Agnelli, 89 – 00151 Roma

Tel. 06-97606564; cell. 347-7463784

e-mail: italiadeidiritti@yahoo.it

sito web www.italiadeidiritti.it

Lascia un commento