Processo breve: approvato l’emendamento che riduce la prescrizione. Il Pd: ennesima norma "ad personam"

La commissione Giustizia della Camera ha approvato l'emendamento presentato dal relatore della proposta di legge sul processo breve, Maurizio Paniz (Pdl), che introduce la prescrizione abbreviata per gli incensurati. Scontro polemico in Commissione tra opposizione e relatore: per il Pd si tratta di una norma 'ad personam' finalizzata a far morire i processi che vedono come imputato Silvio Berlusconi. La mossa, infatti, potrebbe accorciare di circa 8 mesi la vita del processo Mills al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Tutta l'opposizione ha votato contro. “Sono spudorati – ha commentato Donatella Ferranti del Partito democratico – sembra stiano approfittando della guerra per accelerare tutte le norme che riguardano Berlusconi. La prescrizione breve se sarà approvata in questa forma darà un duro colpo alla lotta alla corruzione”.”Nessuna influenza nei processi a carico del premier” – Polemica la risposta di Paniz, che ha accusato l'opposizione di voler “svilire” il suo lavoro e ha negato che l'introduzione dell'articolo 4 bis nel provvedimento possa influire sui procedimenti in corso a carico del premier. “In nessun modo – ha affermato – si arriverebbe alla fine del processo Mills a fine febbraio dell'anno prossimo, e se siete onesti voi lo sapete bene”. Paniz ha rivendicato di aver svolto il suo lavoro ascoltando il dibattito in Commissione e le audizioni svolte e si è detto pronto a nuove modifiche.L'Idv: non si applichi ai processi in corso – È quindi intervenuto il leader dell'Idv Antonio Di Pietro, che ha subito rilanciato: “Se non è provocatoria, siamo pronti ad accogliere la proposta di Paniz: ripensare il secondo comma dell'articolo 4 bis e prevedere che valga da quando entra in vigore la legge e non si applichi ai processi in corso”.La controffensiva del Pd – Subemendamenti ad personam: il Partito democratico prepara la controffensiva sul processo breve, con una ottantina di subemendamenti (il termine scade oggi alle 18) finalizzati, dicono al gruppo democratico alla Camera, “a contrastare la norma ad personam” della prescrizione abbreviata, contenuta in un emendamento presentato dal relatore Maurizio Paniz (Pdl). Tra le proposte del Pd, molte delle quali si concentrano appunto sulla norma che secondo le opposizioni sarebbe congegnata per salvare Silvio Berlusconi dai suoi processi, c'è quella di escludere dalla prescrizione breve chi ha già usufruito altre volte della prescrizione normale.Incensurati – Se il Pdl dice di voler “premiare” gli incensurati, il Pd risponde proponendo una norma che stabilisce che non tutti gli incensurati sono uguali. Altre ipotesi che verranno depositate questo pomeriggio escludono determinati reati, come la corruzione e la concussione, dalla prescrizione abbreviata.22 marzo 2011Redazione Tiscali

Lascia un commento