I RIMPATRIATI DALLA LIBIA: SàŒ ALL’AIUTO CONCRETO AGLI INSORTI

AIRL – Associazione Italiani Rimpatriati Libia
Via Nizza 45 – 00198 Roma
Tel. 06/85300882 – Fax 06/85300898
www.airl.it

COMUNICATO STAMPA
20 marzo 2011 – ore 10.30

I RIMPATRIATI DALLA LIBIA: SÌ ALL’AIUTO CONCRETO AGLI INSORTI
Aiutare concretamente il Popolo Libico a liberarsi dal quarantennale giogo di una dittatura sanguinaria, come il Governo Italiano sta facendo nel quadro della risoluzione ONU, è il modo giusto – proprio nel centenario della nostra guerra all’impero ottomano, per riparare presunte “colpe coloniali” pretestuosamente ricordate da storici e opinionisti non sempre in buona fede.

Quando i cittadini libici saranno ritornati padroni del loro destino, grazie alla partecipazione attiva anche del nostro Paese – come il Ministro La Russa ha orgogliosamente puntualizzato – potranno impostare su nuove basi il rapporto Italia Libia correggendo le troppe ambiguità del “trattato storico” del 2008.

Questo è il commento di Giovanna Ortu, Presidente dell’Associazione Italiani Rimpatriati dalla Libia che così prosegue: “Ci fidiamo talmente dell’autenticità delle ragioni degli insorti che, contando sulla loro vittoria, pensiamo di affidare proprio a loro il giudizio sulla nostra permanenza in quella terra nel periodo del Regno Senussita.

Naturalmente noi non chiederemo mai alla nuova Libia la restituzione di quanto ci è stato illecitamente tolto da Gheddafi nel 1970 perché il passato non ritorna. D’altra parte il nostro interlocutore in tema di risarcimenti è sempre stato il Governo Italiano e dovrà seguitare ad esserlo forse con maggiore rispetto per i nostri diritti fino ad ora calpestati in nome di interessi più grandi perseguiti anche a prezzo della dignità del Paese.”

Così conclude la Ortu: ”La ritrovata unità – a parte qualche vistoso distinguo – delle nostre Istituzioni di fronte a scelte drammatiche è di buon auspicio per la riuscita dell’impresa e per il futuro dell’Italia. Ci riconosciamo pienamente nelle espressioni fiere e commosse insieme con il quale il Capo dello Stato ha accomunato due Paesi ugualmente cari a noi rimpatriati: la nostra Patria che celebra il 150° anniversario e la “nostra” Libia che “va aiutata” nel suo desiderio di pace e libertà.

Contatti:
Giovanna Ortu – Presidente AIRL: cell. 335/320858
Daniele Lombardi – Ufficio Stampa AIRL: cell. 334/3109598
presidenza@airl.itufficio.stampa@airl.it

Lascia un commento