INCOSTITUZIONALITA’ GOVERNATIVA

In risposta all’ amico Arnaldo De Porti…

“Se l’amico Arnaldo De Porti. o meglio il suo collega gli suggerisce le dimissioni in massa delle oppozizioni, per mandare a casa quest’ ennesimo governo berlusconiano, io suggerirei al Capo dello Stato di consultare i due presidenti delle camere e indire nuove elezioni in un solo minuto”

Carissimo Arnaldo le dimissioni in massa dei membri delle opposizioni potrebbero funzionare solo se i primi dei non eletti rifiutassero succcesivamente ritiutassero a loro volta l’incarico parlamentare. Io nel mio piccolo non ho ancora capito del perche’ questo governo vada ancora avanti pur perdendo il premio di maggioranza ottenuto alle elezioni? Che la maggioranza di governo abbia perso il premio di maggioranza, sono i numeri a stabilirlo. L’attuale coalizione di governo in due anni ha perso all’incirca 60 parlamentari, in altri paesi democratici il Capo dello Stato con i poteri sancitogli dalla Costituzione, avrebbe il dovere istituzionale di ritenere il governo incostituzionale, per aver violato la legge elettorale. Il porcellum ( e ahime’ mi ripeto ancora una volta) prevede che vince le ezioni la coalizione che ottiene piu’ voti, sia alla camera, sia al senato con criteri e calcoli diversi; con un premio di maggioranza del 5% alla camera. Dal momento che alla camera da piu’ di sei mesi quel premio di maggioranza e’ inesistente, per la fuori uscita ( peggio se siano stati realmente cacciati) di una parte della coalizione e sta andando avanti da pochi “scilipotati”, anche il Capo dello Stato avrebbe gia’ dovuto costatarne l’ incostituzionalita’ governativa. A mio avviso e’ una palese truffa ai danni della Costituzione, della legge elettorale e dell’ elettorato. Ecco carissimo Arnaldo, ti consiglirei di ri-consultare il rettore costituzionalista e porgli quest’ altro quesito! Un cordiale saluto

Carmine Gonnella

Lascia un commento