FOCUS IDV DEL 24 SETTEMBRE

IDV: DOMANI DI PIETRO IN VENETO PER INAUGURARE NUOVE SEDI = Venezia, 23 set. – (Adnkronos) – Sara' un venerdi' in terra veneziana per Antonio Di Pietro. Prima piantera' la bandiera dell'IdV proprio in casa del presidente leghista della Provincia Francesca Zaccariotto, a San Dona' di Piave. Poi, a Mestre, altra inaugurazione, stavolta della nuova sede provinciale del partito. Quindi Di Pietro chiudera' con un incontro pubblico importante e molto sentito, per far uscire prima e meglio Porto Marghera e l'area veneziana dalla crisi del lavoro. Questo il pomeriggio nella provincia veneziana per il presidente di Italia dei Valori, al suo ritorno in Veneto dopo l'estate. Di Pietro arrivera' a San Dona' alle ore 15.15, per inaugurare la sede del circolo cittadino IdV in via Risorgimento 30, accolto dal coordinatore locale Luigi Falco ed accompagnato dai parlamentari IdV veneti Massimo Donadi ed Antonio Borghesi e dal coordinatore regionale Gennaro Marotta. Successivamente si trasferira' a Mestre, per un'altra inaugurazione. Stavolta il taglio del nastro, alle 16.15, e' in via Querini 19, per la nuova sede provinciale di Italia dei Valori, con il coordinatore Diego Gallo. Quattro passi a piedi e Di Pietro, alle 17, arrivera' in piazza Ferretto, al Cinema Excelsior, per partecipare all'incontro pubblico organizzato da IdV Venezia sulla crisi di Porto Marghera e dell'area veneziana. Obiettivo dichiarato e' quello di unire le forze (presenti gli assessori provinciale e comunale ed i sindacati) per costringere il governo a dichiarare Marghera area di crisi, prolungando cosi' gli ammortizzatori sociali e dando il via a nuovi sbocchi lavorativi.

GOVERNO:DONADI, DOMANI AVREMO MINISTRO SVILUPPO ECONOMICO? (ANSA) – ROMA, 23 SET – ''Domani in Cdm si annuncera' il nome del nuovo ministro dello Sviluppo Economico oppure Berlusconi vuole continuare a prendere in giro i cittadini, il Parlamento ed il Presidente della Repubblica ancora a lungo? Pensiamo che 142 giorni di bugie e promesse mancate possano bastare. In ogni caso e' pronta la mozione di sfiducia nei confronti del ministro ad interim Silvio Berlusconi, sulla cui testa pesa un conflitto d'interessi enorme''. Lo afferma il presidente del gruppo Idv alla Camera Massimo Donadi. ''Mentre la crisi economica continua a bruciare imprese e posti di lavoro, – aggiunge Donadi – Berlusconi e' stato incapace di sostituire Scajola alla guida del dicastero responsabile delle nostre politiche industriali. Un atteggiamento irresponsabile e arrogante che non puo' essere tollerato oltre. Ci auguriamo che le opposizioni compatte, e anche la parte del centrodestra piu' sensibile ai problemi del Paese, votino la mozione per porre fine a questa situazione gravissima''. (ANSA).

GOVERNO: DONADI, E' ALLO SBANDO. ORA COSTRUIRE ALTERNATIVA CREDIBILE = (ASCA) – Roma, 23 set – ''Questo governo e' allo sbando, diviso, travolto dagli scandali e dalle inchieste sul malaffare. Sta affondando nella melma ed e' chiaro a tutti che non puo' piu' andare avanti in queste condizioni. Il centrosinistra ora ha una grande responsabilita': deve smetterla di dividersi e deve lavorare subito per costruire un'alleanza solida e proporre ai cittadini una seria alternativa di governo. Questa situazione non potra' reggere a lungo e per questo e' necessario farsi trovare pronti lavorare subito al rilancio del centrosinistra. Siamo gia' in ritardo''. Lo afferma il presidente del gruppo Idv alla Camera, Massimo Donadi.

MOLISE/SANITA': IDV, IL 25/9 A CAMPOBASSO MANIFESTAZIONE CONTRO IORIO = (ASCA) – Campobasso, 23 set – ''Il coordinamento regionale Idv Molise organizza, per la giornata di sabato prossimo, 25 settembre, a Campobasso, una manifestazione contro Iorio e la sua gestione della sanita', per e con Antonio Di Pietro, all'indomani dell'interrogazione parlamentare del leader Idv, e alla luce delle polemiche da essa scaturite. Lo annuncia una nota dell'Idv. L'Idv lancia l'appello ai partiti del centrosinistra affinche' partecipino anche loro, ''ciascuno con il proprio simbolo, a questa grande mobilitazione. La loro presenza al nostro fianco rappresentera' l'occasione per ripartire con slancio e per dare vita alla nuova colonna portante del centrosinistra''. res/cam/ss

LAVORO: BELISARIO (IDV), GOVERNO CRIMINALE STA PORTANDO PAESE AL DISASTRO = Roma, 23 set. – (Adnkronos) – “Mentre la maggioranza gioca alla conta per capire se ha ancora i numeri per andare avanti, mentre il governo continua a raccontare la favola che il peggio e' passato e ad occuparsi solo di come risolvere i guai giudiziari di Berlusconi, l'Italia sprofonda sempre piu' in una crisi spaventosa. Gli ultimi preoccupanti dati Istat costituiscono l'ennesimo atto di accusa nei confronti di un governo criminale, che tra un record negativo e l'altro sta portando il Paese verso il disastro”. Lo afferma il capogruppo dell'Italia dei valori al Senato, Felice Belisario. “L'emergenza lavoro -continua Belisario- diventa ogni mese sempre piu' drammatica, con quasi un giovane su tre senza un posto. E il governo che fa? Nulla. Anzi, insiste col collegato lavoro gia' rinviato alle Camere dal Capo dello Stato solo per creare nuovi disoccupati, nuovo precariato. Il tutto mentre la poltrona di ministro dello Sviluppo economico continua a restare vuota, con Berlusconi che si tiene stretto l'interim da 142 giorni. Un'indecenza senza fine -conclude Belisario- la degna immagine di questo governo”.

Fiat,Zipponi (Idv):Cassa integrazione per incapacita' di valorizzare Roma, 23 SET (Il Velino) – “L'annuncio di un'ulteriore settimana di cassa integrazione che i lavoratori dello stabilimento di Melfi dovranno subire e' imputabile all'incapacita' della Fiat di valorizzare l'indotto, creando un prodotto competitivo che consenta di massimizzare le risorse umane e produttive stanziate”. Lo affermano in una nota congiunta l'onorevole Maurizio Zipponi, responsabile Lavoro e welfare, e Felice Belisario, presidente dei senatori dell'Italia dei Valori. “La grave decisione aziendale – proseguono gli esponenti Idv – oltre a dar ragione alle posizioni del nostro partito rispetto alla politica di Marchionne, serve anche a screditare le giustificazioni addotte circa l'insoddisfazione della Fiat rispetto alle condizioni di lavoro degli operai, che ha portato prima alla crisi di Pomigliano e poi alla sospensione ancora irrisolta delle 3 tute blu Sata”. “All'interno di un settore che in Europa cala del 17%, le vendite della Fiat sono diminuite del 30% come confermano i dati di luglio e agosto. La drammatica realta' e' che l'azienda ha a disposizione manodopera d'eccellenza e grazie ai contributi statali ha realizzato ottimi stabilimenti: ma e' incapace di far presa sui mercati proprio perche' la gestione aziendale si risolve nell'accanimento contro i lavoratori e nella mancanza di innovazione delle linee produttive. Piuttosto che sognare la conquista dell'America – concludono Zipponi e Belisario – Marchionne si occupi con urgenza del problema dell'occupazione nelle sue industrie italiane”. (com/mal) 231838 SET 10 NNNN

IMMIGRAZIONE:IDV,LETTA DA UN ANNO INDAGATO MA RESTA SILENZIO ORLANDO, SOTTOSEGRETARIO HA DOVERE DI SPIEGARE (ANSA) – ROMA, 23 SET – ''I ministri dell'Interno, Roberto Maroni e della Giustizia, Angelino Alfano, vengano subito a riferire in Aula. Abbiamo presentato un'interrogazione urgente e chiediamo spiegazioni sull'inchiesta della procura di Lagonegro dove sono iscritti nel registro degli indagati Gianni Letta e il capo del dipartimento immigrazione del ministero dell'Interno, Mario Morcone. Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, risulta indagato con Morcone per abuso d'ufficio, turbativa d'asta e truffa. Gianni Letta, proprio per il ruolo istituzionale che ricopre, ha il dovere verso il Paese e le istituzioni di dipanare tutte le ombre sul suo operato''. E' quanto afferma in una nota il portavoce dell'Italia dei Valori, Leoluca Orlando, commentando l'inchiesta de 'Il Fatto Quotidiano' pubblicata esattamente un anno fa e riproposta oggi nel numero celebrativo. ''E' grave che Letta – prosegue Orlando – continui a mantenere il silenzio su una vicenda inquietante. Gia' alla data della pubblicazione dell'articolo de 'Il Fatto Quotidiano' del 23 settembre del 2009, erano passati diversi mesi senza che nessun esponente del governo, compreso lo stesso Letta, sentisse il dovere morale di chiarire questa preoccupante inchiesta. Allo stato non ci e' dato sapere neanche se i ministri Maroni e Alfano siano a conoscenza di questa inchiesta''. ''I centri di accoglienza per i rifugiati – conclude l'esponente dipietrista – sono strutture delicate, importanti e nevralgiche. Non si puo' tollerare neanche il minimo sospetto o la possibilita' che qualcuno favorisca ditte amiche, magari prive di alcuni essenziali requisiti, per fini di lucro. Quali sono i rapporti di Letta con i manager de 'La Cascina?' E' vero che questa ditta sarebbe stata favorita nelle gare per i centri di accoglienza per i rifugiati? Letta risponda altrimenti, se rimanesse chiuso nel suo silenzio, cio' sarebbe l'ulteriore conferma che e' lui il Rasputin del terzo millennio''. (ANSA).

RIFIUTI: ORLANDO, BERTOLASO COME ALICE NEL PAESE MERAVIGLIE TEMPO PROPAGANDA E' FINITO, IL PROBLEMA NON E' MAI STATO RISOLTO (ANSA) – NAPOLI, 23 SET – ''Il tempo della propaganda e delle favole e' finito. Il capo della protezione civile, Guido Bertolaso, finge di non sapere che il problema dell'immondizia a Napoli non e' stato mai stato risolto''. Lo afferma in una nota il portavoce dell'Italia dei Valori, Leoluca Orlando. ''Berlusconi – continua – ha tentato invano di giustificare al mondo l'emergenza rifiuti con interventi autocelebrativi e addossando tutte le colpe al precedente governo. Oggi emerge quanto l'IdV ha sempre sostenuto e cioe' che il presidente del Consiglio ha voluto nascondere il gravissimo problema dell'immondizia come polvere sotto il tappeto''. ''E' assurdo che Bertolaso, incaricato a dirigere i lavori per lo smaltimento dei rifiuti, cada nuovamente dalle nuvole e non sappia come e perche' la spazzatura campeggi ancora tra le strade di Napoli – aggiunge – L'incapacita' di questo esecutivo nell'affrontare le questioni che interessano realmente il paese e i cittadini viene tristemente a galla anche su una questione che Berlusconi non si e' mai risparmiato dal cavalcare per accrescere consensi e popolarita'''. ''Smetta Bertolaso, primo responsabile dell'emergenza rifiuti, di fare battute e avere atteggiamenti da Alice nel paese delle meraviglie'', conclude Orlando. (ANSA).

RAI: PARDI “MAGGIORANZA CDA SCANDALOSA E IRRESPONSABILE” ROMA (ITALPRESS) – “E' scandaloso e irresponsabile che il Cda della Rai non si sia potuto riunire perche' mancavano tutti i componenti che fanno riferimento alla maggioranza”. Lo ha detto il capogruppo dell'Italia dei Valori in commissione di Vigilanza, Pancho Pardi. “Con un gesto totalmente dissennato cosi' alla Rai si sono raggiunti due risultati. Il primo e' stato quello di colpire Bocchino non approvando una fiction della casa di produzione della moglie. Una ritorsione politica che disprezziamo ma che rientra nelle pessime logiche interne di questa maggioranza. Del resto, anche se infinitamente piu' piccolo rispetto a quello di Berlusconi, anche per Bocchino si puo' parlare a ragione di conflitto di interesse. Il secondo risultato, ben piu' serio, riguarda il programma di Serena Dandini che senza l'ok del Cda per la firma del contratto non puo' andare in onda. La prossima riunione e' infatti prevista per martedi' prossimo e la sera stessa la Dandini dovrebbe fare il suo esordio stagionale. In questo caso – conclude il senatore Pardi – possiamo davvero parlare di censura preventiva, quella che nelle intercettazioni di Trani Berlusconi invocava anche per la conduttrice di 'Parla con me'”.

LAVORO: BORGHESI (IDV), DATI GRAVI, PIU' GRAVE MANCANZA MINISTRO SVILUPPO = Roma, 23 set. – (Adnkronos) – “Quelli diffusi oggi dall'Istat sono dati estremamente preoccupanti, soprattutto per l'aumento gravissimo della disoccupazione giovanile. Quel che e' ancora piu' preoccupante e' che il governo, di fronte a tutto questo, rimanga immobile e continui a rinviare la nomina del ministro dello Sviluppo Economico, indispensabile per sbloccare una situazione economica impantanata nel fango della grave crisi”. Lo afferma in una nota il vice capogruppo dell'Italia dei valori alla Camera, Antonio Borghesi.

DDL LAVORO: PARDI (IDV) STRAVOLGE IL DIRITTO DEL LAVORO (ANSA) – ROMA, 23 SET – ''Il collegato lavoro e' un farraginoso concentrato di norme gravissime, che puntano solo a stravolgere il diritto del lavoro indebolendo le tutele dei lavoratori a tutto vantaggio dei datori di lavoro''. Lo ha detto il senatore dell'Italia dei Valori Francesco Pancho Pardi, aggiungendo che ''la legge approdata di nuovo al Senato, dopo la bocciatura di Napolitano, presenta ancora evidenti e pericolosi profili di incostituzionalita'''. ''Basti pensare – spiega Pardi – alla norma che prevede il ricorso obbligatorio all'arbitrato per la risoluzione di una controversia, una norma piu' volte dichiarata illegittima dalla Corte Costituzionale dal momento che solo la concorde volonta' delle parti puo' consentire deroghe al fondamentale principio di statualita' ed esclusivita' della giurisdizione, al diritto di tutti i cittadini di agire in giudizio per la tutela dei propri diritti e interessi legittimi. La giustizia dell'arbitrato e' profondamente pregiudicata dal fatto che si trascurano le condizioni asimmetriche di debolezza del lavoratore di fronte a questa scelta''. ''Altro punto critico – osserva il senatore dell' Idv – e' rappresentato dall'insidiosissimo soppresso articolo 20, quello sull'amianto, che la maggioranza ripropone ora in una formulazione addirittura peggiorativa. Si punta a proteggere gli alti gradi militari, in modo che non possano piu' essere investiti dal principio di responsabilita' per cio' che e' avvenuto sulle navi costruite con l'amianto''.(ANSA).

LAVORO: ZIPPONI (IDV), SACCONI NASCONDE SUO INSUCCESSO = Roma, 23 set. (Adnkronos) – “Le balle di Sacconi sulla disoccupazione nel nostro Paese sono come le balle dei rifiuti che si accumulano nuovamente lungo le strade di Napoli. I dati diffusi oggi dall'Istat sono inconfutabili: l'Italia viaggia a un tasso di disoccupazione reale superiore al 10%, visto che negli ultimi due anni c'e' stato un aumento consistente degli inattivi, cioe' di quei lavoratori che non cercano piu' un posto di lavoro e quindi non vengono inseriti nelle statistiche”. Lo afferma il responsabile welfare e lavoro dell'Italia dei valori, Maurizio Zipponi. “Il ministro della disoccupazione nasconde il suo clamoroso insuccesso -aggiunge- la disoccupazione in Italia e' aumentata rispetto agli altri paesi europei e ha reso precari quasi un milione di lavoratori. Sacconi non parla degli operai in cassintegrazione, delle aziende che falliscono, dei tagli alla scuola pubblica, del ministro dello Sviluppo economico che ancora oggi e' un fantasma”. “Il Paese sta affondando -conclude l'esponente dell'Idv- ma questo governo finora ha pensato solo a vendere fumo senza proporre una politica industriale per uscire dalla crisi”.

RIFIUTI. CAMPANIA, DI NARDO (IDV): BERTOLASO NON SI CAPISCE… 'BOSS PROTEZIONE CIVILE' SPACCIA SUA MERCANZIA PER ORO. (DIRE) Roma, 23 set. – “Se Bertolaso non comprende per quale motivo a Napoli ci sia la spazzatura nelle strade, evidentemente ha delle difficolta' a capire se stesso”. Il senatore campano Nello Di Nardo, capogruppo dell'Italia dei Valori in commissione Ambiente, commenta cosi' le dichiarazioni di Guido Bertolaso sulla situazione dei rifiuti nel capoluogo campano. “Il boss della Protezione civile- prosegue l'esponente Idv- srotola il panno della propria mercanzia che spaccia per oro, affermando animosamente di aver fatto le discariche, avviato la raccolta differenziata, aperto l'impianto di Acerra e, nonostante tutto, i rifiuti stanno per strada. Proprio non se ne capacita”. E allora, “proviamo noi a dargli una mano- prosegue Di Nardo- sara' forse perche' il famigerato super-termovalorizzatore e' sostanzialmente chiuso a causa dei continui guasti, perche' le discariche sono da tempo straripanti di rifiuti, e perche', come lamentano i comuni della Campania compreso Napoli, ci sono gravissimi ritardi nei piani per la promozione della differenziata”. Il senatore Idv conclude con l'invito ad approfondire i risultati della gestione Bertolaso, sottosegretario del Governo per l'emergenza rifiuti dal 2008 al 2009: “Piuttosto che tormentarsi in dubbi pirandelliani, affermando che Napoli e' piena di spazzatura pochi mesi dopo aver proclamato lui stesso la fine dell'emergenza, Bertolaso dovrebbe rendere conto delle reali misure adottate e ammettere quindi il suo fallimento. Visti i risultati, e' indecoroso proseguire con la propaganda del Governo Berlusconi che in tutta evidenza e' incapace di occuparsi concretamente delle sofferenze di un'intera popolazione”.

GOVERNO: DE MAGISTRIS “POLITICA RIDOTTA A DOSSIERAGGIO E MINACCE” ROMA (ITALPRESS) – “Un governo che ha i numeri per guidare il Paese? Soltanto un marziano, non troppo lucido di mente, puo' sostenere questa visione irrealistica della condizione vissuta dall'esecutivo”. Lo scrive Luigi de Magistris, eurodeputato IdV e responsabile giustizia del partito. “Nell'ex maggioranza instabile, dove e' in corso una guerra intestina che vede protagonisti Berlusconi e Fini, c'e' un'unica certezza: stanno facendo morire la politica, riducendola a faida tra bande che tentano di distruggersi a colpi di dossieraggio (rilanciato dall'informazione di regime di Libero e Il giornale) e minacce di non sostenere lo scudo immunitario per il premier (da parte di Fli). Per ridare un senso di decenza e di speranza al Paese la sola strada e' che tutte le forze del centrosinistra, insieme ai movimenti, lavorino ad una alleanza fondata su un programma e una leadership condivise e di rinnovamento, che passino per il voto delle primarie, reali e web”. (ITALPRESS).

Sicilia, Alfano (Idv): Mantovano difende traditori dello stato Palermo, 23 SET (Il Velino/Il Velino Sicilia) – “Dobbiamo prendere atto del fatto che questo governo continua a sparare veleno sulla magistratura, senza controllo e senza pudore. Un atteggiamento disgustoso. Mantovano peraltro prima dice che la magistratura vuole governare, e poi giudica le condanne e le sentenze di processi che hanno visto protagonisti traditori dello Stato. Mi pare quindi che non sia la magistratura a voler governare, semmai e' il governo che vuole amministrare la giustizia o, piu' verosimilmente, vuole distruggerla definitivamente”. Lo ha detto Sonia Alfano, europarlamentare e responsabile nazionale del Dipartimento antimafia di Italia dei valori, commentando le dichiarazioni rilasciate dal sottosegretario Alfredo Mantovano in un'intervista a 'Tempi', allegato al Giornale. “Nomina De Gennaro, condannato per i fatti del G8 di Genova; Mori, sotto processo a Palermo per la mancata cattura di Provenzano e indagato nell'ambito dell'inchiesta sulla trattativa tra mafia e Stato; Ganzer, condannato a oltre 14 anni per traffico di droga. Tutti personaggi che hanno tradito lo Stato, la divisa e chi la indossa con orgoglio, in nome del proprio interesse personale e delle amicizie con criminali di spessore. Mantovano sconfina ed esprime giudizi sui quali dovrebbe soltanto tacere, o perlomeno essere censurato. Se proprio bisogna stare attenti a qualche magistrato – conclude Alfano – si guardi ad esempio al procuratore generale di Messina, frequentatore di mafiosi che lo stesso Mantovano ha salutato affettuosamente ad un convegno sull'antiracket, o alla casta degli amici della P3”. (gic)

CALABRIA: MESSINA(IDV), GOVERNO SCIOLGA CONSIGLIO COMUNALE CORIGLIANO = (ASCA) – Cosenza, 23 set – Ignazio Messina, deputato e commissario regionale dell'Idv in Calabria, ha illustrato oggi in parlamento l'interpellanza urgente, presentata da Di Pietro, concernente orientamenti del Ministro dell'interno in ordine all'avvio della procedura per lo scioglimento del consiglio comunale di Corigliano Calabro (Cs), di cui e' cofirmatario. ''Con l'interpellanza – dice Messina – abbiamo ritenuto evidenziare un fatto di una gravita' a nostro avviso straordinaria, che ormai si protrae da lungo tempo senza soluzione, e che riguarda la vicenda relativa al comune di Corigliano Calabro che, da un lato, ha ottenuto, diciamo cosi', notorieta' sui giornali, ma dall'altro lato, non ha ancora ottenuto da parte degli organi dello Stato, e del Ministero dell'interno in particolare, un intervento deciso, diretto a risolvere la questione''. ''I fatti che abbiamo riportato nell'interpellanza – afferma Messina – che sono gia' di per se' di una gravita' inaudita, vanno anche collegati al territorio. Non si puo' pensare – dice Messina- che un'esigenza di legalita' venga attuata dal Governo soltanto attraverso la pubblicizzazione di interventi della magistratura e delle forze dell'ordine, quando poi non si interviene sui gangli vitali del malaffare e della criminalita' organizzata, e cioe' con l'interruzione del rapporto tra la criminalita' organizzata, il mondo degli appalti e i pubblici amministratori''. red/rg/ss

INFORMAZIONE: DA IDV LEGGE POPOLARE UE PER LIBERTA' STAMPA IN ITALIA ROMA (ITALPRESS) – “Vista la gravissima situazione emersa in merito alla liberta' di stampa in Europa e in particolar modo in Italia, dove a causa di un gravissimo conflitto di interessi il Presidente del Consiglio controlla materialmente sia le televisioni private che quelle pubbliche, l'Italia dei Valori attende con ansia il regolamento sull'iniziativa popolare in Europa per agire con l'aiuto dei cittadini europei”. Lo ha affermato Sonia Alfano, europarlamentare di IdV e membro della Commissione Libe, ribadendo l'intenzione di lanciare la raccolta di un milione di firme per impegnare la Commissione ad un intervento a favore della libera informazione e contro i conflitti di interesse. “E' indispensabile agire a livello europeo – conclude Alfano – raccogliendo un milione di firme per chiedere alla Commissione di impegnarsi per una direttiva sul pluralismo dell'informazione che rappresenta uno dei valori imprescindibili dei Paesi membri, ai sensi dell'articolo 2 del Trattato sull'Unione Europea”. (ITALPRESS).

OMOFOBIA: GRILLINI (IDV), A RAGUSA BRUTALE ATTO INTOLLERANZA (ANSA) – ROMA, 23 SET – ''Il brutale atto di intolleranza verso una coppia gay di Ragusa rappresenta un'ulteriore escalation della serie di atti di violenza di omofobia che si registra quotidianamente nel nostro Paese''. Lo afferma Franco Grillini, responsabile del dipartimento diritti civili e associazionismo dell'Italia dei Valori. ''Questo episodio – continua – e' ancora piu' inquietante perche' inseguire un'auto con un secchio di urina a bordo vuol dire che il fatto e' stato premeditato e organizzato con cura. Oltre agli insulti di carattere omofobo, si e' voluto sfregiare le persone, colpendole con un gesto inqualificabile. Si tratta, con evidenza, di vero e proprio razzismo che non viene combattuto con sufficiente energia dalle istituzioni preposte''. ''Gli episodi di omofobia, che si sono registrati, sono sempre piu' caratterizzati – aggiunge Grillini – da premeditazione e da venature di estrema destra, come dimostra l'arresto di due neonazisti a Milano responsabili di diversi episodi di violenza. Per questo motivo, a nome mio e dell'Italia dei Valori, ribadisco la necessita' di approvare al piu' presto l'estensione della legge Mancino per gli atti di violenza omofobica''. (ANSA).

TRICOLORE: IDV, SU BANDIERE PROVOCAZIONE DA LEGA NORD (ANSA) – MILANO, 23 SET – L'esposizione della bandiera italiana non e' una ''provocazione politica'', lo e' piuttosto quella del Sole delle Alpi: il gruppo dell'Italia dei Valori in Consiglio provinciale a Milano ha replicato cosi' al Carroccio dopo la bagarre scoppiata oggi in aula dopo che l'Idv ha messo sui banchi tre Tricolori. Secondo l'Idv, infatti, il Sole delle Alpi ''e' un simbolo di partito che mai e poi mai potra' essere paragonato ad una bandiera italiana, da loro considerata appunto 'una provocazione'''. Oltre che alla Lega, pero', il partito di Di Pietro ha rivolto critiche anche al Pdl negando di aver cercato un pretesto per rallentare i lavori. ''Anche oggi – ha sottolineato in un comunicato -, per l'ennesima volta, l'opposizione ha garantito il numero legale e senza di noi la maggioranza non sarebbe nemmeno in grado di iniziare la seduta''. Secondo l'Idv, e' ''vergognoso il comportamento del popolo della liberta' che ha deciso di abbandonare l'aula ogni volta che un esponente del nostro partito prende la parola. Un atteggiamento che denota lo scarso rispetto delle istituzioni e la poca tolleranza verso chi la pensa diversamente''. (ANSA).

Lascia un commento