CICCHITTO: La sentenza colpisce forzatamente Dell’Utri

“A parte il fatto che personalmente reputo un’assurdita’ il reato di concorso esterno in associazione mafiosa e che mi auguro che la sentenza venga cambiata alla Cassazione, tuttavia non si puo’ fare a meno di rilevare che essa per un verso dichiaratamente smonta le tesi di Spatuzza sulla partecipazione di Dell’Utri alla trattativa e delude il procuratore generale Gatto che aveva puntato su un uso politico della giustizia sia per cio’ che riguardava il passato, sia per cio’ che riguarda il presente”.

Lo ha affermato il capogruppo del Pdl alla Camera, Fabrizio Cicchitto, in merito alla sentenza su Marcello Dell’Utri.
“Di conseguenza questa sentenza colpisce forzatamente Dell’Utri, al quale va la mia solidarieta’, ma non ha la potenzialita’ giuridica per poter aprire nel presente un attacco politico-giuridico alle nuove entita’ politiche scese in campo dopo il 1994 e segnatamente a Forza Italia fondata da Berlusconi per coprire lo spazio politico di centro, rimasto vuoto in seguito alla distruzione per via giudiziaria della DC, del PSI, dei partiti laici, e non certo per sollecitazione della mafia come il network giustizialista vorrebbe far credere per aprire una nuova stagione di guerra civile fredda. In ogni caso ci troviamo di fronte ad una situazione degradata: Forza Italia ieri, il Pdl oggi, sono il partito dei moderati e dei riformisti e, invece, bisogna battersi contro l’ennesima operazione di criminalizzazione del partito rappresentativo di tutta un’area politica e sociale, il che la dice lunga sulla qualita’ politica di una parte della sinistra italiana”

Lascia un commento