Narducci a “Radio Rai”:l’episodio di intolleranza non fermi il dialogo con la Turchia

L’on. Franco Narducci, intervistato durante la trasmissione “radio anch’io” di Radio Rai a proposito dell’assassinio di Mons. Padovese, vescovo di Iskenderun, in Turchia, avvenuto il 3 giugno scorso, ha affermato che è stato un “episodio sconvolgente anche per il significato che ha assunto in una provincia storicamente culla della convivenza pacifica tra le confessioni religiose”. L’on. Narducci durante l’intervista ha sottolineato che “è necessario fare luce fino in fondo sull’accaduto, oltre la presunta schizofrenia dell’assasino, per il bene di tutti” convinto anche che il “Governo turco farà ogni sforzo per accertare la verità dei fatti”.

Narducci riprendendo le parole di Benedetto XVI ha detto che “questo fatto non deve oscurare il dialogo”, infatti secondo le parole del deputato del PD “ciò sarebbe contrario all’insegnamento di mons. Padovese ed anche di don Andrea Santoro, uomini testimoni veri di quella fede che, vissuta in pienezza, porta all’incontro con l’altro, al dialogo e a superare ogni forma di intolleranza”. In questo senso “se da una parte è preoccupante la presenza di sacche di intolleranza in Turchia -ha affermato Narducci – allo stesso tempo bisogna accelerare il processo di avvicinamento all’Unione europea della Turchia stessa, isolando quanti lavorano per una islamizzazione integralista del grande Paese, porta dell’Asia”.

Lascia un commento