Scherzi della natura coloro che giudicano il prossimo in base all’identità  di genere

Apprendo dal Secolo XIX.it del 5 giugno, che il professor Giuseppe Tesauro, giudice della Corte costituzionale, nel corso del convegno sull’identità di genere che si è svolto a Genova, avrebbe detto che un trans è “uno scherzo della natura”. Spero non sia vero, anche se si tratterebbe solo di un'infelice, infelicissima battuta. Altrimenti sarei costretto a ritenermi ancora una volta razzista. Odio, infatti, quelle strane stranissime persone che ancora oggi, al principio del terzo millennio, giudicano il loro prossimo in base alla identità di genere. E viene voglia anche a me di fare una battuta su queste stranissime persone, e definire il loro cervello uno scherzo della natura. Così come mi viene voglia di definire scherzo della natura il cervello di energumeni coraggiosi che sempre in gruppo aggrediscono coppie di omosessuali. Io odio i razzisti, e per questo sono razzista. Devo dunque odiarmi? Un bel pasticcio davvero!

Attilio Doni
Genova

Lascia un commento