SOLO UNA RIFORMA ELETTORALE RADICALE PUO’ RIDARE ALL’ITALIA L’UNITA’ NAZIONALE

<>
Nel lontano 1948 i nostri padri costituenti elaborarono un parlamentarismo rappresentativo nel tentativo di evitare il nascere di future dittature od oligarchie, dandoci una legge elettorale proporzionale secca, dando voce anche a coloro negatagli durante il periodo fascista ed io come loro ritengo la piu’ democratica, nell’instaurare pesi e contrappesi, con la porcellum si e’ ritornato ad un parlamento albertino, nominato e con un premio di maggioranza incostituzionale unico nel mondo. Perche’ incostituzionale? Semplicemente per il fatto che incrementa i conflitti d’interessi! Con la rappresentanza individuale e il voto di preferenza, i nostri padri costituenti vollero evitare categoricamente il ripristino del mandato imperiale (art. 67). Vedete non datemi del semplicista ma credo che un ritorno al proporzionale secco e rappresentanza individuale con l’abolizione dei decreti e voti di fiducia, basterebbe a ridare all’Italia l’Unita’
Nazionale. Al federalismo? Ci pensera’ Fini, con la revisione del titolo V! O NO? (cont…)

Lascia un commento