Un nuovo partito degli italiani nel mondo? “dividi et imperat”!!!

L’amico Gianpiero Pallotta, un ex pieino per chi non lo sapesse, conosce molto bene il “francese”, ma “dividi et imperat” non e’ il motto di base del “berlusconismo”? Da oltre 16 anni Berluschino non fa altro che creare contrasti istituzionali, allontanando un ulteriore 10% dell’elettorato, un nuovo partito degli italiani nel mondo? Pallotta ha perfettamente ragione, ma che non sia uno che emuli o scimmiotti il Pie. L’abolizione dei Cgie e la riforma dei Comites e’ un uniziativa del Pie, idem per l’abolizione della legge Tremaglia, tanto amata (ancora) da Silvio Berlusconi e il suo partito, per non parlare della Lega che lo vorrebbe abolito del tutto (stiamo molto attenti!) Ripristinare gli articoli 48, 56 e 57 caro Pallotta, significa (non voglio qui dare lezioni di nessun genere) abolire anche il voto postale (troppi brogli) e un ritorno al rientro in patria per votare, questo al sottoscritto non dispiacerebbe visto che vivo ad uno scoppio dai confini, ma chi risiede in Australia? Questa e’ una chiara dimostrazione di quanto noi all’estero conosciamo le leggi ed in particolare la Legge Tremaglia, una legge studiata a tavolino nei minimi dettagli per limitare il voto all’estero. Un consiglio lo darei all’amico Pallotta, bisogna ripristinare gli atitcoli 56 e 57 (abolizioni delle circoscrizioni estere) e riformare l’articolo 48, sancendo il voto all’estero di persona, col postale ed elettronico e solo allora si puo parlare di vera voce in capitolo. Putroppo carissimo Giampiero anche questa e’ un’iniziativa Pie, gia’ in porto. Dividi et imperat!!! Pare che la prima “copia scimmiottata” del Pie sia gia’ in corso…

https://archivio.politicamentecorretto.com/index.php?news=21846

Lascia un commento