GIORNO MEMORIA — DI BIAGIO (PDL), UN GIORNO PER RIBADIRE LA DIGNITA’ E LA LIBERTA’ DI OGNI UOMO CONTRO OGNI AUTORITARISMO

“Questo è un giorno in cui la nostra società, la nostra collettività è chiamata a riflettere sulla crudeltà in cui l’uomo può cadere e sulle assurdità a cui determinate derive conducono l’umana coscienza. E’ il momento di fare i conti con la storia, e trarne uno strumento di analisi per il presente e per il futuro”. Lo dichiara Aldo Di Biagio, Responsabile Italiani nel Mondo del PdL.

“Abbiamo il dovere di veicolare l’esperienza alle giovani generazioni di coloro che oltre 60 anni fa hanno vissuto la crudeltà dell’olocausto nazista, come la commossa testimonianza del Premio Nobel per la Pace Eliezer Wiesel quest’oggi nell’aula di Montecitorio – ha evidenziato Di Biagio –, abbandonando gli approcci demagogici o le frasi di circostanza ma avviando un reale avvicinamento dei giovani alla nostra storia, anche quella nella sua veste più tetra”.

“L’invito che rivolgo a tutti e soprattutto ai giovani è che bisogna trarre da questa tragedia della storia la chiave di volta per affrontare il presente e per ribadire ancora una volta e con maggiore forza la primazia della dignità di ogni uomo, di ogni essere umano contro ogni autoritarismo ed egoismo dei potenti, oggi come allora e come in futuro. Di Biagio ha poi concluso: “Il rispetto dei diritti fondamentali dell’uomo, delle convenzioni internazionalmente sancite devono essere il punto di partenza di qualsivoglia strategia politica o economica, soltanto con questa forma mentis l’umanità potrà dimostrare di aver realmente ascoltato il grido dei caduti sui campi nazisti”.

Lascia un commento