Site icon archivio di politicamentecorretto.com

Banda larga Internet. Dati Istat confermano le balle di Telecom per nascondere la propria carenza

di Domenico Murrone

Gli ultimi dati Istat dicono che la quasi totalita' delle aziende italiane con piu' di 10 dipendenti, il 93%, ha una connessione a Internet, l'83% in banda larga. Nonostante la struttura frammentata del sistema industriale italiano, le pmi si adeguano e utilizzano la rete per competere e affrontare al meglio la difficile congiuntura economica. Purtroppo questa propensione all'innovazione viene castrata da … Telecom Italia, che e' la proprietaria della rete dell'ultimo miglio, il sistema di centraline e cavi che fa arrivare la linea nelle case, negli stabilimenti e negli uffici.
Attorno all'ultimo miglio e' in corso una battaglia finanziaria/tecnologica/politica che avra' riflessi sul benessere e lo sviluppo dell'Italia nei prossimi decenni.
La nostra proposta per sbloccare l'impasse e' quella di far rientrare il collegamento in banda larga nell'ambito del servizio universale, ma non ci sono dubbi sulla complessita' giuridico-industriale del problema, ma alcuni punti fermi si possono ben mettere. Uno e' rappresentato proprio da questi ultimi dati Istat, che cozzano con quanto va ripetendo da tempo l'amministratore delegato di Telecom Italia, Franco Bernabe': in Italia non c'e' domanda di banda larga, l'attuale rete e' sufficiente a coprire le esigenze e solo la completa informatizzazione della pubblica amministrazione giustificherebbe nuova offerta.
E invece no, le aziende, cosi' come gli utenti residenziali, sono gia' a caccia di banda larga, quello che manca e' l'offerta. In alcuni casi del tutto (vedi zone in cui ancora si e' costretti a navigare su Internet in analogico), in altri casi mancano connessioni qualitativamente accettabili, vista la velocita' media in download che in Italia e' attorno ai 5 mega, quando le promesse dei gestori partono dai 7 mega in su' e fino a 20.
Insomma, la rete Telecom Italia e' vecchia, la manutenzione non viene effettuata, necessitano nuovi investimenti.
Il governo deve smettere di tessere trame nell'oscurita' e dare sin da subito regole certe al mercato, favorendo gli investimenti di tutti gli attori. Deve evitare che anche sulla banda larga si estendano le tenebre del conflitto di interessi (vedi anche voci di una possibile fusione Telecom Italia-Mediaset), smettere di promettere e fare. A cominciare dal ministro alla Funzione pubblica Renato Brunetta, che deve incardinare l'innovazione nella pubblica amministrazione verso binari costruttivi, e non solo verbalmente distruttivi.

Exit mobile version