TUTTA COLPA DEL POPOLO ITALIANO E DI UN DIO POCO ATTENTO

Premessa:“Anch’io ho commesso un crimine forse maggiore del loro ed e’ quello di interessarmi alla politica”

-“Il pentito di Dio” – Spatuzza davanti alla Davanti alla Corte d'appello che deve giudicare dell'Utri – senatore del Pdl, condannato in primo grado a nove anni per concorso esterno in associazione mafiosa, ha riferito che in un incontro avvenuto in un bar in via Veneto a Roma, pochi giorni prima di un fallito attentato nella capitale, Graviano, parlando dei politici con cui avrebbe fatto accordi in relazione alle stragi, c'era “Berlusconi, quello di Canale 5, e un compaesano, Dell'Utri”. Berlusconi e Dell'Utri hanno fermamente smentito le accuse di coinvolgimento con la mafia. Ma va la..

L’uno (Spatuzza) chiede perdono a Dio, l’altro (Berlusconi / Dell’Utri) al Parlamento. La politica, potra’ mai fare a meno dei “delinguenti”? Bravo chi trova la risposta! Per me sono due istituzioni complementari e fanno parte della stessa medaglia. Da tutta quest’ennesima commedia italiana ne esce intaccato l’orgoglio del popolo, che dopo 60 anni di Repubblica non riesce ancora a trovare una sua identita’ democratica.

Lascia un commento