Non sparate alla ricerca

di Pedica e Monai

Una delegazione dell’Italia dei Valori è stata a fianco dei ricercatori dell’ISPRA, Istituto Superiore di Ricerca Ambientale, costretti ad un gesto eclatante e disperato – occupare la sede di Roma e dormire sul tetto della stessa – per protestare contro i licenziamenti annunciati dall'Ente.

Il Prefetto Vincenzo Grimaldi, alla guida dell’Ente malgrado non abbia alcuna competenza in materia ambientale, ieri ha impedito l’ingresso nella sede ai giornalisti: un tentativo di mettere a tacere la protesta dei lavoratori. L’ISPRA oltre ad aver licenziato 200 precari si appresta a licenziarne altri 250 entro la fine dell’anno. Perché?

A detta del Governo mancano i soldi. Ma i fondi utilizzati per mantenere questo Istituto, che controlla la qualità dell’acqua che beviamo e dell’aria che respiriamo, vengono dalla comunità europea e, quindi, sono disponibili.

La vera ragione è che questo Governo, dopo aver deciso di vendere l’acqua, ora vuole esternalizzare anche i controlli ambientali. Al peggio non c’è mai fine!

Ci piace riportare qui le parole del Presidente Napolitano: “c’è necessità di investire in ricerca e innovazione, perché su questo ci giochiamo il nostro futuro, anche per uscire dalla crisi in condizioni migliori di come ci siamo entrati”. La maggioranza, purtroppo, la pensa diversamente.

L’ISPRA non deve chiudere. L’Italia dei Valori sarà vicina a tutti quei ricercatori che hanno deciso di non piegare la testa alla logica distruttiva del ministro dell’Ambiente Prestigiacomo che, pezzo dopo pezzo, sta sfasciando il nostro sistema ambientale. E, per questo, interverremo in Parlamento per continuare ad essere al fianco dei lavoratori e far valere le loro ragioni.

Consigliamo a tutti di vedere questo video realizzato dai precari che stanno rischiando il proprio posto di lavoro. Una satira amara che rischia di diventare realtà con questo Governo intenzionato ad ammazzare la ricerca e a ridurre sul lastrico i professionisti che a questa hanno dedicato la loro vita.

Lascia un commento