Narducci (PD)e Pezzotta(UDC): Decisione della Corte,”il crocifisso non nega la laicità  delle Istituzioni”

“La Cortedi giustizia delle Comunità europee chiede la rimozione del crocifisso dalle aule italiane. Questa sentenza ferisce la sensibilità di decine di milioni di italiani, va contro la legislazione italiana, si contrappone frontalmente alle espressioni della giustizia italiana fino ai suoi livelli più alti. In questa situazione la sentenza della Corte mostra un’arroganza inaccettabile per un popolo adulto e democratico: gli italiani sarebbero cittadini da rieducare rispetto agli altri europei”. Lo dichiarano i deputati Franco Narducci e Savino Pezzotta in seguito alla sentenza della Corte europea sulla questione del crocifisso nelle scuole italiane.

“Crediamo che di fronte ad atteggiamenti simili tutta la società civile debba reagire pacatamente ma con fermezza chiedendo rispetto per le tradizioni culturali degli altri come pure di quella italiana” hanno sottolineato i parlamentari. “Il crocifisso oltre che un simbolo religioso è una espressione alta della nostra tradizione culturale che assolutamente non nega la laicità delle Istituzioni: è ora che se ne accorgano anche alla Corte di giustizia delle Comunità europee” hanno concluso gli on.li Narducci e Pezzotta.

Lascia un commento