Lo scudo fiscale minaccia il lavoro transfrontaliero

Caro Onorevole é bella la canzone di Antoine

Caro Onorevole noto che anche lei canta la famosa canzone di Antoine.

1-Che ci saprebbe dire chi non ha denunciato il reddito dell´Estero e ´in Italia é stato dichiarato solo il reddito italiano ?

Sa benissimo che il doppio reddito , fiscalmente parlando, comporta un altro tipo di pagamento di tasse.

2- lei sa benissimo che le famiglie che hanno un reddito basso hanno anche altri privilegi , tra i quali anche il diritto delle case popolari,esenzione dal pagamento ticket etc. etc.

Sarebbe bello che la gente italiana che vive e lavora nel Nord della Svizzera che proviene dalle regioni del Sud, la sera potrebbe rientrare a casa. Almeno potremmo fare studiare i nostri figli in Italia. Bravo onorevole !

Io punirei i consulenti fiscali che hanno consigliato di comportarsi in quella maniera.Ovviamente l´eccezione conferma la regola.Non tutti i frontalieri hanno aperto il conto in banca ” per lo stipendio”.Inoltre alcuni Partiti politici Svizzeri si sono espressi contro al versamento del 40% delle tasse sul lavoro pagate in Svizzera dai frontalieri.Quindi in un modo ho in un altro, sarebbero saltati fuori.Ma lei , come detto prima, canta la canzone di Antoine.

Cordialmente

Rosario Cambiano-Colonia

Lascia un commento