Site icon archivio di politicamentecorretto.com

Franceschini, Prodi, D’Alema: smettete di danneggiare il nostro Paese !

Il Popolo della Libertà BRUXELLES

La Sinistra italiana, ancora una volta, getta palate di fango sul proprio Paese. L'ha fatto per tanti anni. Continua a farlo. Veltroni aveva promesso una Sinistra diversa, riformista ed europea, è stato fatto fuori dai suoi ed ora ci ritroviamo con la Sinistra di sempre: bolscevica e sfascista, pronta a colpire lo stinco del giocatore invece della palla, protesa a stimolare e a inseguire le testate di De Benedetti e Murdoch in attacchi alla persona concorrente e perciò indegna di chiamarsi democratica e di fare politica in Italia.

Non si può stare in Europa parlando male del proprio Paese quando a governare non è il proprio partito, sperando di trarne un beneficio di parte a scapito di quello di tutti. Lo sanno tutti che nell'arena europea se sei in difficoltà, per qualunque motivo, i “cari” vicini tentano subito di approfittarne.

Quante volte questa Sinistra al Parlamento europeo ha messo in difficoltà l'Italia!

Al contrario di essa i parlamentari europei di Forza Italia serrarono le fila del sistema Italia e votarono la fiducia a Prodi quando la Sinistra lo designò presidente della Commissione.

Franceschini straparla, gioca a prendere il posto dei figli di Berlusconi, che gli rispondono a tono, mentre D’Alema afferma che «in modo assai efficace, Franceschini ha ridato slancio all’azione del Partito democratico».

Prodi, intanto, fa campagna elettorale a Bologna a favore del candidato del Pd per mantenere il potere asfittico in una città, Bologna, governata ancora da una burocrazia di stampo sovietico.

Noi siamo orgogliosi di essere Italiani, di appartenere ad un grande partito italiano, Il Popolo della Libertà, e ad un grande partito europeo, il Partito Popolare Europeo.

Siamo orgogliosi di lavorare a Bruxelles per rafforzare l'unità dell'Europa e per affermare un'Italia protagonista in Europa, diversa da quella rappresentata dalla Sinistra.

Siamo orgogliosi di sostenere l'operato di Silvio Berlusconi, un grande leader politico, che sta rialzando il nostro Paese, insieme a milioni di Italiani che credono nelle virtù del nostro popolo.

I nostri valori, come ha ben ricordato Piersilvio Berlusconi, “sono i suoi: amore per il lavoro, generosità, tenacia e rispetto per gli altri. Quel rispetto che Franceschini dimostra di non conoscere”.

«E come si fa a negare che ci sia un disegno politico contro di lui?», ha commentato Marina Berlusconi. «È un disegno portato avanti da chi non sa più nemmeno cosa sia la politica. È evidente: dopo tanto tempo c'è un governo stabile, che fa il suo lavoro, che dà soluzioni concrete, che ha restituito autorevolezza alle istituzioni. Si pensi per esempio a come ha gestito l'emergenza dei rifiuti in Campania e il terremoto in Abruzzo. Ci sarà un motivo se gli italiani oggi dicono che “finalmente lo Stato c'è”. E ora il tentativo di distruggere Berlusconi rischia in realtà di distruggere la dignità recuperata dalla politica, e il ritrovato senso di una presenza utile ed efficace delle istituzioni».

La vera anomalia italiana non è rappresentata da Silvio Berlusconi, ma da una Sinistra che, unica nell'Europa occidentale, ha visto gli ex-comunisti, in posizione egemone, distruggere i socialisti riformisti e andare al potere facendosi guidare dai catto-comunisti.

Siamo orgogliosi di essere italiani ed europei, di appartenere ad un Paese, l'Italia, che tutti insieme, sostenitori ed elettori del Popolo della Libertà stiamo aiutando a rimettersi in piedi.

Nelle urne, il 6 e il 7 giugno, testimonieremo il nostro amore per il nostro Paese e per l'Europa.

A Franceschini, a Prodi e a D'Alema chiediamo di smettere di danneggiare il nostro Paese, l'Italia.

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Exit mobile version