Giorgio Schultze: "Con l’accordo sul nucleare fra Italia e Giappone rischiamo di perdere l’ultimo treno per lo sviluppo delle rinnovabili"

Il candidato indipendente al Parlamento Europeo nelle liste dell'Italia dei Valori manifesta la sua preoccupazione sull'accordo di cooperazione siglato tra Italia e Giappone per lo sviluppo dell'energia nucleare

“ È già successo durante le crisi energetiche del 1973, del 1979 e negli anni Â’80 – afferma Giorgio Schultze commentando lÂ’accordo siglato nellÂ’ambito del G8 Energia svoltosi a Roma – ma questa volta potrebbe significare rimanere irrimediabilmente fuori dai giochi. LÂ’intesa raggiunta tra il Ministro allo sviluppo economico Claudio Scajola e il Ministro dellÂ’economia Toshihiro Nikai – continua Schultze – non fa altro che ribadire implicitamente che il risparmio energetico e il ricorso alle fonti rinnovabili non sono convenienti se messi a confronto con lÂ’energia nucleare. Non stiamo parlando solo di fotovoltaico, eolico, geotermico ma anche di solare termodinamico e idrogeno. In questo modo lÂ’Italia ricorre in un errore antico. Oggi come ieri, il nostro Paese non ha un solo motivo valido per promuovere il nucleare. Non ha sviluppato tecnologia in questo senso, non ha investimenti, strutture e opere da giustificare e legittimare. Inoltre è troppo oneroso sia su un piano economico, per i capitali necessari al suo sviluppo, sia su un piano ambientale, perché lo smaltimento delle scorie è un problema irrisolvibile. La crisi ci sta offrendo lÂ’opportunità per rimetterci al passo con i Paesi che negli ultimi anni hanno sviluppato e ci hanno messo a disposizione la tecnologia e il know how necessari allo sfruttamento di fonti energetiche di cui lÂ’Italia abbonda. Ora è il momento di fare scelte e assumersi responsabilità affinché gli sforzi e gli investimenti compiuti sinora non siano vanificati. Se il sistema Italia non intraprende un percorso coerente di emancipazione dai combustibili fossili e non abbandona ogni iniziativa nucleare non ci sarà unÂ’età dellÂ’oro delle rinnovabili, nonostante la crescita esponenziale che il settore sta vivendo. Prezzi del petrolio più bassi disincentivano un ricorso a fonti di energia alternative, ma la storia ci insegna che il greggio è soggetto a oscillazioni continue e a crisi epocali”.

Lascia un commento