L’ON. Razzi a Budapest

Oggi 21 maggio l’Onorevole Antonio Razzi sarà a Budapest per incontrare il Vice Presidente della Camera ungherese, Vilàgosi Gàbor ed il gruppo della Federazione emigrati abruzzesi in Svizzera, anch’esso in visita in Ungheria.
E’ prevista per l’intero gruppo di italiani residenti in Svizzera, guidato dal segretario della Feas, Stevan Terzini, la visita del Parlamento ungherese, durante la quale i visitatori potranno ammirare la scalinata centrale, la Sala della Cupola, le Reliquie dell’Incoronazione, le sale delle sedute e altre due sale, oltre agli altri imponenti monumenti che offre la bella capitale ungherese.
Funzione e ruolo di tale incontro sarà quello di favorire ed intensificare le relazioni parlamentari fra i due Paesi., si parlerà in particolar modo delle politiche dell’Unione Europea, le quali rivestono per i due Paesi, un’ assoluta importanza, essendo l’Italia uno dei Paesi fondatori dell’Unione Europea e l’Ungheria invece un Paese di più recente adesione.
“Tale incontro sarà dunque, indubbiamente un utile strumento per conoscere ed avvicinarsi a culture politiche nazionali diverse, l’esaltazione delle proprie peculiarità e specificità non dovrà portare ad un annullamento delle identità nazionali ma basterà commenta – l’On. Antonio Razzi – ricondurle nell’ambito di più ampi contesti geopolitici, perché solo tramite una leale cooperazione europea basata su confronti, dialoghi e relazioni forti si potrà un giorno arrivare ad una comune concezione d’identità europea”.
L’Onorevole Razzi sarà, inoltre, lieto di portare il saluto del Presidente della Camera, Gianfranco Fini a tutto il Parlamento ungherese e consegnerà, altresì una targa ricordo del Parlamento Italiano al Vice Presidente della Camera ungherese, Vilàgosi Gàbor .
L’Onorevole Razzi proporrà infine al suddetto Vice Presidente della Camera ungherese, Vilàgosi Gàbor di organizzare un incontro amichevole di calcio tra le squadre dei rispettivi Paesi donando il ricavato, in beneficenza alla popolazione abruzzese colpita dal terremoto.

Lascia un commento