Il Consiglio d’Europa non è l’Unione Europea !

Il Popolo della Libertà
BRUXELLES

*************

Il Consiglio dÂ’Europa non è lÂ’Unione Europea !

In questi giorni si è scatenata la querelle sul respingimento, al luogo di partenza, dei migranti che tentano di raggiungere le coste europee, maltesi ed italiane.

Le Organizzazioni Non Governative (ONG) criticano la linea adottata dal Governo Italiano perché temono di perdere “clienti”, cioè gli extracomunitari di cui si prendono cura dietro lauto compenso. Non tutti sanno che per le migliaia di ragazzi che giungono a Lampedusa ogni anno, lo Stato paga 70 euro al giorno per minore, alle strutture che li ospitano, perché i centri di prima accoglienza sono saturi.

LÂ’ONU che non riesce neanche a monitorare i diritti umani in paesi dove è presente con strutture e personale, trova il tempo di criticare lÂ’Italia per le operazioni di pattugliamento e respingimento dei migranti, adducendo come motivazione che tra quei migranti ci potrebbero essere persone titolate a richiedere il diritto dÂ’asilo.

Strano che nessuno ha ricordato allÂ’ONU che non è scritto in alcun trattato internazionale che se un cittadino, ad esempio in Sudan, vuole richiedere asilo debba attraversare mezzo continente africano, pagare da tre a cinque mila euro a bande criminali ben organizzate, rischiare la vita su un barcone per giungere finalmente in Italia e chiedere di far valere il suo diritto di rifugiato.

LÂ’ONU, per quanto ne sappiamo, ha addirittura un Alto Commissariato per i rifugiati. Come mai questo alto Commissariato non istituisce nei vari paesi africani delle aree dove questi richiedenti asilo possano presentare le loro istanze? Questo rimane un mistero.

Infine il Consiglio dÂ’Europa (che nulla ha a che fare con lÂ’Unione Europea !) che ha come obiettivo quello di favorire la creazione di uno spazio democratico e giuridico comune in Europa, organizzato nel rispetto della Convenzione europea dei diritti dell'uomo e di altri testi di riferimento relativi alla tutela dell'individuo, pretende che solo alcuni paesi, lÂ’Italia, Malta e la Spagna, facciano fronte al problema dei migranti. Come mai il Consiglio d'Europa, che ha una dimensione paneuropea costituita da ben 47 paesi membri, non ha trovato il tempo e le risorse per organizzare strutture e fondi per cercare di assicurare i diritti umani di questi migranti?

LÂ’Unione Europea, nella persona di Jacques Barrot, (Commissario Europeo alla Giustizia) ha invece sostenuto la decisione italiana di respingere i migranti verso il paese di partenza. Per altro lÂ’Unione Europea ha creato una agenzia (Frontex con sede a Varsavia) che dovrebbe sostenere lÂ’Italia e gli altri paesi in prima linea nel contrastare il fenomeno dellÂ’immigrazione clandestina (evidentemente si stanno ancora attrezzando…).

Ma tutte queste informazioni sono per gli addetti ai lavori. Non possiamo pretendere che Franceschini e i vari illustri esponenti dell'opposizione italiana perdano il loro prezioso tempo per approfondire questi dettagli. Quello che conta per loro è fare opposizione. Questo è il motivo per il quale molto probabilmente non torneranno più al governo del Paese almeno per i prossimi 10 anni.

********

Lascia un commento