Cialtroni e meschini

Il Popolo della Libertà
BRUXELLES
*************

Cialtroni e meschini

Veltroni, Franceschini: il testimone è passato di mano ma la musica non è cambiata. Come gli sciacalli, lÂ’opposizione e gli esponenti di vertice del PD sono sempre pronti ad aggredire in qualsiasi momento e in qualsiasi circostanza il Governo ed il Presidente del Consiglio.

Lo sciacallaggio non è stat o il caso di Veronica Lario di cui tutti hanno parlato. Quello è solo letame che puzza. E la puzza, purtroppo, la sentono tutti, inclusi i sostenitori del PD. Infatti, in un partito che pretende di essere “progressista”, moderno, gli atteggiamenti “iper-conservatori e un po retrogradi” mostrati dal Segretario protempore possono essere unÂ’arma a doppio taglio; soprattutto per quegli Italiani che votano PD, ed in generale per la società italiana dove il divorzio non è più un tabù per nessuno. Anche per coloro che difendono i valori cristiani non è più un tabù ed infatti alla bisogna ne fanno uso.

Il vero sciacallaggio del PD è molto più subdolo. Giorni fa, in Afghanistan, un convoglio di militari italiani ha aperto il fuoco contro unÂ’auto che aveva destato sospetto e, purtroppo, la tragica fatalità ha voluto che una ragazza di 13 anni perdesse la vita colpita da un proiettile. Qui scatta lo sciacallaggio più subdolo. In Parlamento le opposizioni, ed in particolare il PD, attaccano, lancia in resta, i militari italiani ed ovviamente il Governo. Dimenticando che il contingente italiano in Afghanistan è stato voluto anche dal Governo Prodi che all'epoca ottenne il supporto essenziale dellÂ’allora opposizione per poter finanziare la missione di pace.

Dimenticano che, quando al Governo era Prodi, la notte del 28 marzo 1997, nel canale d'Otranto, la Motonave Sibilla si avvicinò ad una nave di clandestine e probabilmente, per una manovra errata, lo scafo degli Albanesi stracolmo di gente si capovolse ed affondò seppellendo almeno 85 persone in fondo all'Adriatico.

Dimenticano che lÂ’unica vera azione di guerra compiuta dallÂ’Italia è stata il bombardamento del Kosovo nel 1999 da parte dellÂ’aviazione militare italiana quando presidente del Consiglio era DÂ’Alema che autorizzò quelle operazioni militari. Oggi leggiamo che per DÂ’Alema “fu un errore bombardare Belgrado quando ero Premier” (Fonte: APCOM.net – 24/03/2009 9.23.00). Ma si sa che parlare con il senno di poi è più facile, ma non è assolutamente detto che sia “sincero”.

Lo sciacallaggio è quando si continua a gridare ai quattro venti che il Governo non fa nulla per i bisognosi e i più deboli. Si criticano ferocemente e a prescindere le cose che il Governo sta cercando di fare per i più deboli tipo la “Social Card”.

Dimenticano che fino allo scorso anno al Governo c’erano loro e che pur essendo un periodo quasi tranquillo per l’economia mondiale e nazionale il Governo ha saputo drenare risorse significative dalle famiglie e dalle piccole e medie imprese, con una tassazione dissennata, generando non pochi problemi al sistema produttivo italiano. Molti giornali hanno titolato nel 2006 “Manovra sbagliata”: niente riforme, troppe tasse, pochi tagli mentre la spesa pubblica ha continuato a crescere. Molti economisti, anche di sinistra, bocciarono l’operato del Governo Prodi per tali ragioni.

Dimenticano, infine, che dalla discesa in campo di Silvio Berlusconi nel 1994, il centrodestra ha governato 6 mesi nel 1994, 5 anni dal 2001 al 2006 e un anno dal 2008 ad oggi. In totale 6 anni e mezzo. Dal 1994 al 2009 sono trascorsi 15 anni. Chi ha governato negli altri 8 anni e mezzo?

È vero che il PD è un partito “nuovo”, è vero che gli errori dei padri, PCI, DS, Ulivo, Quercie, Margherite e Cespugli vari, non possono ricadere sui figli. È vero che il passato è passato. Tutto vero.

Ma ci risparmino almeno la predicozza quotidiana.

********

Lascia un commento