Costituzione, articolo 28 Vs 68 (2)

I parlamentari sono ancora dei funzionari dello Stato? La favola del Lupo cattivo vestito da cappuccetto rosso continua…

In politica non ci potra’ mai essere etica e trasparenza se chi dovrebbe tutelarci si “immunizza” le proprie responsabilita’ penali, civili e amministrative

Articolo 28 (la favola) [ Tutti i funzionari e dipendenti dello Stato e degli enti pubblici, (parlamentari) sono direttamente responsabili, secondo le leggi penali, civili e amministrative, degli atti compiuti in violazione di diritti. (1) In tali casi la responsabilita’ civile si estente allo Stato e agli enti pubblici (2)

Non ho inventato niente ho solo trascritto dalla Costituzione…

Articolo 68 (Lupo cattivo) [ nessun membro del parlamento (funzionario dello Stato e dell’amministrazione pubblica) puo, essere sottoposto a perquisizioni personali o domiciliare ne’puo’ essere arrestato o altrimenti privato della liberta’ personale, o mantenuto in detenzioni, salvo che in esecuzione di una sentenza irrevocabile di condanna, in altre parole se sia colto nell’atto di commettere un delitto (anche amministrativo) per il quale e’ previsto l’arresto obbligatorio in flagranza] Ho tralasciato l’autorizzazione delle Camere perche’e’ nelle loro mani e non un organo indipendente.

A questo punto tutti dovremmo avere un piccolo dubbio di quale articolo violi la Costituzione? Il Lodo Alfano non viola nessuno articolo della Costituzione, questo lo dico a quanti hanno firmato per un referensum confermativo, voluto dall’Italia dei Valori e’ un’estenzione dell’articolo 68. E’ l’articolo 68 che viola la Costituzione! E’ in netto conflitto con l’articolo 28. Un articolo che non e’ mai stato preso in considerazione. Oggi si parla tanto d’etica politica, di nuovi codici etici per i politici. La politica italiana passata, presente e futura non cambiera’ mai affinche l’articolo 68, restera’ nella Costituzione. Siamo in tanti a chiederne l’abrogazione, il parlamentare e’ un funzionario dello Stato e un rappresentante del popolo (Stato), qui non stiamo parlando solo d’etica ma di un dovere costituzionale, che tutti i funzionari dello stato sono portati a adempiere e l’articolo 68 vieta al cittadino e alla Giustizia che l’articolo 28 sia fatto rispettato anche dai parlamentari e non solo dalla normale amministrazione pubblica. In politica non ci potra’ mai essere etica e trasparenza se chi dovrebbe tutelarci si “immunizza” le proprie responsabilita’ penali, civili e amministrative

I nostri padri costituenti con l’articolo 68 vollero dare piu’ liberta’ ai parlamentari di poter esprimere le loro opinioni nell’esercizio delle loro funzioni, non avrebbero mai immaginato tanto abuso a proprio uso e consumo di questo articolo. E’ ora che i nuovi partiti nascenti (come nel caso del PIE) e quelli che si fanno e rifanno alle liberta’ individuali e sociali ne prendino atto.

Da Londra Carmine Gonnella

Lascia un commento