GIUSTIZIA: SENATORI PD, ALFANO INTERVIENE A BARI SU INCHIESTA FITTO?

“Il ministro Alfano intervenendo su un procedimento contro Fitto? Chiarisca se e perché è in corso un'inchiesta presso la Procura di Bari”. A chiederlo con un'interrogazione al ministro della Giustizia del Pd Anna Finocchiaro, Felice Casson, Gianrico Carofiglio, Carlo Chiurazzi, Gerardo D'Ambrosio, Silvia Della Monica, Guido Galperti, Nicola Latorre, Alberto Maritati.
“Il governo – spiegano i firmatari – deve dire se è vero che è iniziata una inchiesta amministrativa presso gli Uffici della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bari su un'inchiesta che ha per oggetto due procedimenti nei quali è imputato il Ministro Raffaele Fitto per i reati di associazione a delinquere, concussione, falso ideologico, corruzione, peculato, concorso in interesse privato in una procedura di amministrazione straordinaria e turbativa d’asta. Due procedimenti che sarebbero rispettivamente in fase di udienza preliminare e in fase di atti preliminari al dibattimento”.
“Sarebbe bene – aggiungono – che venisse anche chiarito se sia vero che nell’ambito dei procedimenti in discorso è stato adottato un provvedimento di sequestro preventivo del prezzo del reato di corruzione addebitato al Ministro Raffaele Fitto per l’importo di 500 mila euro e che tale provvedimento è confermato dalla Suprema Corte di Cassazione”.
“Se tutto ciò venisse confermato – concludono i senatori del Pd – saremmo di fronte a un’ interferenza nell’attività giurisdizionale, interferenza munita di un’oggettiva forza di intimidazione nei confronti dei pubblici ministeri e soprattutto dei giudici che si occupano delle vicende giudiziarie che vedono come imputato il ministro Raffaele Fitto. Così come la tempistica dell’inchiesta, nei termini suddetti, offuscherebbe l’immagine di imparzialità del Ministero dell'Interno suggerendo alla pubblica opinione l’idea che l’iniziativa ispettiva sia dettata da sollecitazioni di un membro del governo e ispirata da ragioni diverse da quelle istituzionali”.

Lascia un commento