Beni culturali e rischi naturali. Il modello Umbria: dall’emergenza sismica alla ricostruzione

Oggi 31 marzo 2009 presso la Sala dello Stenditoio nel Complesso Monumentale di San Michele a Ripa in Roma, il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Guido Bertolaso e il Ministro per i Beni e le Attività Culturali Sandro Bondi apriranno il convegno dal titolo Beni culturali e rischi naturali. Il modello Umbria: dall’emergenza sismica alla ricostruzione.

L’organizzazione della giornata di studi prende spunto dalla pubblicazione del volume Beni culturali in Umbria: dall’emergenza sismica alla ricostruzione in occasione della chiusura dell’attività dell’ufficio del Vice Commissario delegato per l’Umbria. L’esperienza umbra costituisce un eccezionale modello organizzativo il cui successo è stato garantito dalla costruttiva collaborazione fra le istituzioni coinvolte, il Dipartimento della Protezione Civile, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, la Regione Umbria e i vari Comuni.

Il convegno, nel corso del quale si presenterà il volume, metterà in evidenza l’importanza di tale esperienza quale modello operativo di riferimento.

Infatti, lo sforzo di perseguire una efficace mediazione fra le esigenze della tutela del patrimonio culturale e le necessità pratiche della popolazione ha permesso di raggiungere molto rapidamente l’obiettivo della ricostruzione dando spunto ad una formazione figure specializzate per affrontare situazioni complesse come quelle generate dai rischi naturali Sono indicativi alcuni dati concreti: in un anno sono state redatte 2.470 schede di immobili danneggiati, 61% chiese, 5% edifici religiosi, 32% architettura civile; nel complesso i beni indagati sono stati 3288.

L’attività commissariale in Umbria e nelle Marche ha dimostrato che una mirata e intelligente politica di tutela, conservazione e valorizzazione permette di riconoscere nei beni culturali il valore aggiunto più prezioso per difendere l’identità e promuovere la crescita del nostro Paese.

Lascia un commento