POLIGAMIA — ALDO DI BIAGIO (PDL), URGE ATTENZIONE DI BRUXELLES CONTRO DERIVE ECCESSIVAMENTE LIBERALI

Roma 18 marzo 2009 – “Esprimo perplessità e preoccupazione in merito all’approvazione in commissione “libertà civili” del parlamento Ue, della mozione che sollecita il riconoscimento delle “terze o quarte mogli” sul versante della disciplina dei ricongiungimenti familiari, che rischia seriamente di legittimare consolidate consuetudini islamiche sul territorio europeo, del tutto antitetiche con le fondamenta cristiane del sistema-europa”. Lo dichiara Aldo di Biagio, deputato del PdL eletto in Euorpa, all’indomani della votazione della relazione con cui l’Europarlamento ha voluto dare riscontro sulla questione dei ricongiungimenti familiari sul territorio dell’Ue.

“Sono in linea con quanto dichiarato dall’on. Roberta Angelilli – continua Di Biagio – poiché il riferimento tracciato nella mozione si rivolge espressamente al mondo musulmano, e alle sue usanze, e innescherebbe un circolo vizioso che potrebbe tranquillamente essere esorcizzato. A ciò si aggiunge il fatto che queste tematiche, particolarmente delicate e ricche e di sfumature sono di esclusiva pertinenza degli Stati membri, ed un riferimento seppur abbozzato a tali fattispecie, in una relazione ufficiale del parlamento dell’Ue, potrebbe portare ad una legittimazione indiretta di un fenomeno sociale deprecabile almeno in una prospettiva socialmente e culturalmente europea”.

Lascia un commento