FEDERALISMO: INCOSTANTE, TRAMONTATO IL MODELLO LOMBARDO

Dichiarazione della sen. Maria Fortuna Incostante, vicepresidente commissione Affari costituzionali

“Resta ferma la perplessità del Pd sulle ricadute che questa legge avrà nelle Regioni meridionale, che già hanno deficit strutturale superiore alla media nazionale e per questo presteremo la massima attenzione e vigilanza sui decreti attuativi che completeranno il quadro normativo. Dobbiamo in ogni caso sottolineare che grazie all'impegno e all'intervento del Pd il testo è stato notevolmente migliorato: si era partiti dal cosiddetto modello lombardo, fortemente sperequato nei confronti delle Sud del Paese, per arrivare a un risultato ben più equilibrato”. Lo sostiene la sen. Maria Fortuna Incostante, vicepresidente commissione Affari costituzionali.
“Tra i punti fondamentali, approvati grazie all'accoglimento delle proposte che venivano dal Pd – spiega – c'è sicuramente il patto di convergenza, il principio cioè per il quale tutte le Regioni dovranno progressivamente convergere verso uno standard dei servizi omogeneo che garantisca i diritti fondamentali dei cittadini in tema di sanità, istruzione e assistenza”.
“Importante, inoltre- conclude la senatrice – che il Fondo perequativo tenga conto anche del deficit di infrastrutture delle Regioni, che incide in modo decisivo sulla fornitura dei servizi. Infine, è positivo che l'edilizia scolastica sia stata inserita all'interno dei livelli essenziali delle prestazioni che saranno quindi integralmente finanziati dallo stato, oltre al fatto che gli investimenti per il trasporto pubblico locale siano entrati nelle funzioni fondamentali degli enti locali”.

Lascia un commento