Lo Stato Italiano: in eterna bancarotta

Incentivi europei alla crisi: Germania 62 mld, Spagna 38, Francia 26, Gran Bretagna 23. Il governo italiano, solo cinque Mld

Tra evasione fiscale e deficit pubblico, in quale pozzo credete potrebbe il governo attingere per incentivi costruttivi, in questa crisi goblale, che coinvolge l’intero Paese? Nelle tasche di Silvio o dei suoi amici? Quest’ultimi a quando pare si sono gia’ accaparrati l’
Alitalia. L’evasione fiscale se non si combatte con piu’ fermezzza e non solo con le “pistole ad acqua “ delle Fiamme Gialle, le risorse italiane saranno sempre limitate ai pochi. Usiamo i “ carri armati” se necessario, in altre parole penalizzandola con il carcere a prescindere dalla somma sottratta. Invece di mandare a spasso per le citta’ i militari, affiancamoli alle Fiamme Gialle per controlli a tappeto, per quel che riguarda l’evasione e la sicurezza sul lavoro, veri crimini questi contro l’umanita’. La Gran Bretagna dove io vivo, ci sono stati incentivi finanziari per 23 miliardi ma non dobbliamo dimenticare, che ha gia’ ridotto l’I.V.A. di 2.5 % Per non parlare delle 250 sterline ai pensionati per l’eccessivo uso d’
elettricita’ dovuto al freddo. Al persionato inglese e sancito il beneficio dell’affitto del tetto, un piccolo incremento della pensione e’ gia’ avvenuto, altro che Social Card. C’e’ da affermare che la Gran Bretagna ha un’evasione fiscale dieci volte meno dell’Italia, eppure i funzionari del fisco, non vanno in giro con le armi, piu’ di una volta arrivano in Jeans e maglietta. E’ solo questione di cultura, da noi pagare le tasse e’ un dovere di tutti i cittadini, in Italia e’ una facolta’ autonoma. A quanto ammonterebbe oggi l’evasione fiscale in Italia. Meglio cambiar discorso! In Italia i problemi basilari e storici sono tre: evasione, deficit ed il costo eccessivo della Politica, altro che licenziare qualche fannullone. In Italia se le uova avessere le orecchie ci vorrrebbero due funzionari per sollevarlo.
Viva l’Italia una e di tutti

Membro del Comitato Internazionale Associativo per il PIE

Lascia un commento