CONTRATTISTI MAE — ON. ALDO DI BIAGIO (PDL). “BENE DISPONIBILITA’ DEL GOVERNO. PROPORREMO ADEGUATI PROVVEDIMENTI FUTURI”

“Gli aspetti tracciati dal sottosegretario Mantica in occasione dell’interrogazione a risposta immediata in Commissione esteri lasciano emergere una chiara attenzione da parte dell’Esecutivo nei confronti dei nostri connazionali impiegati nella rete diplomatica, ma nei cui confronti saranno opportuni nuovi e più incisivi provvedimenti al fine di colmare il limite normativo che ne condiziona lo status contrattuale”. Così si è espresso l’on. Aldo Di Biagio, deputato del PdL eletto nella Ripartizione estera, all’indomani dello svolgimento dell’interrogazione a risposta immediata in Commissione esteri da lui presentata, e sottoscritta dall’On. Guglielmo Picchi, avente in oggetto la normativa vigente in materia di personale a contratto in servizIo all’estero del MAE.

“Appare chiaro che esistono degli evidenti limiti normativi in materia – ha sottolineato il deputato del PdL – che purtroppo comportano un avvilimento delle garanzie e dei diritti di questi cittadini italiani. Apprezzo il contributo e la volontà formulata dall’esecutivo nei confronti della categoria, ma quello che è stato tracciato dal MAE in questi anni necessita di interventi precisi che smussino le dinamiche di uniformità dello status giuridico del personale a contratto, previste dal decreto 103 del 2000”.

“Sono già in cantiere proposte di legge interessanti e dallo spirito bipartisan che verranno calendarizzate a giorni – ha concluso il deputato eletto all’estero – sottoscritte da me e da altri colleghi eletti all’estero orientate alla stabilizzazione del personale a contratto e al riconoscimento dei diritti e delle prerogative sindacali degli stessi, che verranno affrontate e discusse con forte impegno nelle sedi competenti. Sarà mia priorità intervenire per colmare l’esistente gap normativo, per poter approdare nei prossimi mesi a risultati decisivi per i nostri connazionali”.

Lascia un commento