Il Partito degli Italiani all’Estero cresce, ma l’informazione pubblica non se ne accorge

Marchesi scrive a RAI International.

Alla c.a. della Redazione di RAI International
Spettabile redazione

E' da quasi un mese che il sito di Politicamente Corretto (https://archivio.politicamentecorretto.com/) propone, non solo ai suoi lettori ma a tutto il popolo degli italiani all'estero, la creazione di un “Partito degli italiani all'estero” che possa piu' concretamente e democraticamente rappresentarli nel Parlamento italiano.

Il nuovo partito si presenta tra l'altro non solo come forza specifica rappresentativa delle comunita' italiane all'estero, ma anche con interessanti proposte per il risanamento della politica e la riduzione
della asfissiante influenza partitocratica sulle funzioni vitali dellademocrazia.

Io penso, insieme a molti altri che hanno subito dato convinta adesione all'iniziativa, che il nostro principale organo d'informazione, cioe' voi, dovrebbe occuparsi con la dovuta attenzione, come e' dovere di un serio
organo d'informazione, a questa proposta, illustrandola almeno nelle sue
linee essenziali e intervistando i suoi promotori. Giusta o sbagliata che sia l'iniziativa, infatti, essa rappresenta pur sempre una notizia che non puo' essere ignorata dal servizio pubblico dell'informazione televisiva per gli italiani all'estero.

Cordiali saluti dal Texas.

Roberto Marchesi
Italian writer and journalist

Roberto Marchesi
401 Ellis Drive
Allen, Texas 75002 USA

marchesi@tx.rr.com

Lascia un commento