Alitalia. Una Caporetto

Primo Mastrantoni, segretario Aduc

Altroche' la linea del Piave evocata nel corso della riunione svoltasi ieri all'aeroporto di Fiumicino dagli operatori del trasporto aereo. La memoria dovrebbe andare a Caporetto, una disfatta preannunciata da mesi e che solo la miopia dei dirigenti sindacali (tutti) non ha saputo prevedere. Da anni, e non da mesi, stiamo scrivendo che l'Alitalia si era avvitata su se stessa e stava precipitando; si potrebbe evocare, nel settore marittimo, il disastro del Titanic: si suonava e ballava mentre la nave affondava. Purtroppo la disfatta maggiore l'hanno subita gli utenti che si accolleranno i debiti e pagheranno cari i biglietti delle linee protette (es. Roma-Milano). I 300 milioni di “prestito” fatto dalle casse statali (cioe' dai contribuenti) sono un assaggio al quale e' seguito l'aumento della tassa per il “diritto di imbarco” (da 1 a 3 euro, piu' 200%). Ricordiamo che la tassa di imbarco era prevista da una legge del 1976 per i soli voli internazionali ed e' stata successivamente estesa ai voli nazionali nel 1985. Rimane, comunque, tutta l'anomalia di questa imposizione: e' come se si pagasse una tassa, oltre al biglietto, per prendere l'autobus, il treno o il taxi. Ma lo Stato non riscuote gia' per le concessioni alle societa' aeroportuali?

Lascia un commento