Berlusconi salva Rete 4 a danno della RAI

Europa 7 ha vinto nel 1999 la gara per l’assegnazione della frequenza sulla quale trasmette oggi Rete 4 e ne ha diritto. Già nel novembre del 2002 la Corte Costituzionale, con la sentenza n. 466, stabiliva che Rete 4 doveva dismettere definitivamente le trasmissioni terrestri entro il 31 dicembre 2003

Tale sentenza è stata ripetutamente disattesa, prima con il decreto legge “salva Rete 4” del 24 dicembre 2003, successivamente con l’approvazione nel 2004 della legge Gasparri, e, infine, con la mancata approvazione nel corso della XV legislatura di una legge che affermasse in Italia il pluralismo dell’informazione. Secondo la Corte di Giustizia Europea il regime di assegnazione delle frequenze in Italia non rispetta il principio della libera prestazione dei servizi e non segue criteri di selezione obiettivi, trasparenti, non discriminatori e proporzionati. Per questo ha condannato l’Italia al pagamento di una multa di 127.000 euro al mese, con la sentenza dello scorso 31 gennaio 2008 nella causa che opponeva l’emittente privata Europa 7 al Ministero delle Comunicazioni. Nel giugno scorso Berlusconi ha tentato di inserire in un decreto legge un emendamento salva Rete 4, che ha poi dovuto ritirare grazie alla ferma opposizione di Italia dei Valori. Ora la fervida mente del Presidente del Consiglio ha partorito una nuova idea a danno degli Italiani, prendendo in giro ancora una volta i principi di legalità, E lo potrà fare perché oggi è il padrone non solo delle reti Mediaset ma anche di quelle pubbliche. In poche parole la Rai, spendendo soldi dei contribuenti, riorganizzerà i suoi impianti in modo da far utilizzare le sue frequenze anche ad Europa 7. E così, facendo a pezzi la legalità, formalmente sarà applicata la sentenza della Corte Europea e Rete 4 continuerà a trasmettere indisturbata su frequenze che occupa illegalmente. Diciamo “no” a questo ennesima beffa alla giustizia ed agli Italiani. Se la RAI libererà delle frequenze esse dovranno essere messe all’asta, un’asta alla quale anche Rete 4 potrà partecipare. Ma Europa 7 ha diritto di utilizzare quelle occupate da Rete 4, che deve intanto trasferirsi sul satellite.

Lascia un commento