Italics. Arte italiana fra tradizione e rivoluzione, 1968-2008

Perche’ una mostra come -Italics- oggi? L’idea alla base di -Italics- e’ scaturita da un lato dal bisogno di celebrare 40 anni di complessità e contraddizioni nel panorama artistico dell’arte italiana, dall’altro dalla necessità di riflettere sul perche’ una realtà cosi’ ricca sia stata spesso sommersa dalle maree del mondo dell’arte contemporanea internazionale. Quali sono le ragioni per cui l’arte italiana e’ rimasta circoscritta, tanto da essere avvolta dal mistero per i curatori dei musei e i critici che operano al di fuori del paese?

Recentemente il New York Times ha pubblicato un ampio articolo di Michael Kimmelman sulla scena artistica italiana in cui sono sottolineate chiaramente sia le opportunità mancate che l’inesauribile vitalità del mondo dell’arte italiana e del suo disomogeneo sistema di musei. Il fatto stesso che una mostra di questa entità, con piu’ di 100 artisti e 180 opere non sia presentata da un’ istituzione pubblica italiana, ma da una nuova realtà privata come Palazzo Grassi a Venezia, e successivamente al Museum of Contemporary di Chicago, che ha sostenuto il progetto fin dagli inizi, la dice lunga sul malfunzionamento del contesto in cui gli artisti italiani hanno dovuto, negli ultimi 40 anni, lavorare, sviluppare e maturare i loro linguaggi creativi personali ed esclusivi.

Perche’ il 1968? Per diverse ragioni. Il 1968 e’ il primo anno della storia moderna ad assistere, sotto diverse forme e aspetti, a un fenomeno sociale e politico su scala globale. In tutto il mondo, dalla Francia all’Italia, alla Cina, al Messico e al Giappone, le società civili e le loro nuove generazioni di cittadini avvertono il bisogno di una trasformazione radicale delle istanze che regolano le loro vite, dalle università, alle fabbriche e alle strutture politiche. Il 1968 e’ l’anno con cui termina la sua indagine -Italian Metamorphosis-, altra mostra di riferimento allestita al Guggenheim Museum di New York nel 1995, curata da Germano Celant. -Italics- raccoglie simbolicamente il testimone da quella mostra per continuare la storia da un diverso punto di vista, meno lineare e organizzato, piu’ come un rizoma da cui sono nate molte radici diverse, cresciute in molte direzioni diverse. Il 1968 e’ anche l’inizio di un nuovo capitolo della cultura e della storia italiana, la fine del boom economico e l’avvento di un periodo fatto di molte contraddizioni la piu’ evidente quella fra tradizione e rivoluzione. L’arte italiana e’ sempre stata trainata da queste due forze, una incatenata al passato e l’altra ansiosa di proiettarsi nel futuro.

Da Ghiberti e Brunelleschi, al futurismo, a De Chirico, agli artisti dell’Arte Povera, a una figura come Guttuso, fino a Cattelan e Vezzoli questa tensione fra conservazione e trasformazione e’ sempre esistita.
Il 1968 ha evidenziato il peso della tradizione che stava frenando la trasformazione della cultura italiana, ma non e’ riuscito a trovare il modo di spogliarsi per sempre del passato.

Italics. Arte italiana fra tradizione e rivoluzione, 1968-2008 e’ un viaggio attraverso 40 anni turbolenti, alla ricerca di una risposta nelle opere di grandi maestri, nuovi nomi, artisti dimenticati, sconosciuti o altri trascurati. -Italics- vuole essere un viaggio aperto, un’occasione non tanto di trovare una risposta, quanto forse di sollevare ancor piu’ domande e dubbi. Non e’ una panoramica tesa a stabilire una netta divisione tra chi e’ compreso e chi e’ escluso, ma piuttosto un’esplorazione del perche’ l’Italia sia sempre stata, per molti anni, una realtà sospesa sulla soglia di un mondo piu’ vasto. -Italics- e’ stata pensata come veicolo per trasportare lo spettatore in un territorio che sembra solo apparentemente familiare, ma che in realtà, in molte delle sue zone, rimane inesplorato. La domanda finale di -Italics- e’ perche’ gli artisti italiani si siano spesso smarriti senza ottenere quel doveroso riconoscimento mondiale che la mostra spera di poter finalmente offrire. Il successo di -Italics- dipenderà dalla sua capacità di aprire il campo a molte possibile risposte e molte altre possibili domande.

Data Inizio: 27/09/2008
Data Fine: 22/03/2009
Prenotazione: Facoltativa
Città: Venezia
Luogo: Palazzo Grassi
Indirizzo: campo San Samuele, 3231
Provincia: Venezia
Regione: Veneto
Orario: tutti i giorni dalle 10 alle 19
Telefono: 199 139139
Sito Web: http://www.palazzograssi.it/

Lascia un commento