CAMORRA: DA CDM 500 MILITARI PER FRONTEGGIARE CRIMINALITA’

Il Consiglio di ministri ha dato il via libera all'utilizzo di 500 militari da impiegare nei casi di emergenza criminalità. Quanti di essi saranno inviati in Campania, in considerazione soprattutto della recente strage di Castel Volturno, sarà deciso in accordo tra il ministro della Difesa e dell'Interno. Per Ignazio La Russa (leggi l'intervista sul Secolo d'Italia) questa decisione non deve distogliere “forze tra i 3000 militari che già svolgono da agosto attività di pattugliamento e vigilanza nelle città italiane”. I militari, ha aggiunto, “saranno impiegati per 3 mesi dove c'è emergenza per la criminalità organizzata”.
Il presidente dei senatori del Pdl Maurizio Gasparri ha giudicato “ottimo” l'annuncio del ministro della Difesa. “Il governo fa bene ad intervenire con determinazione e durezza. C'è da augurarsi – ha proseguito – che facciano altrettanto i magistrati. A coloro che hanno polemizzato dicendo sciocchezze dalle file del Pd ricordiamo che la decisione relativa agli arresti domiciliari di una persona, ora arrestata per la recente strage di Castelvolturno, era stata presa dalla magistratura”.
Per Italo Bocchino “la decisione, presa poco fa dal Consiglio dei ministri, di inviare 500 militari, aggiuntivi rispetto ai 3 mila già impegnati con successo nelle città,come ha giustamente ricordato il ministro La Russa, dimostrano una volontà forte del governo di agire con determinazione ed efficacia contro la camorra”.

Lascia un commento