Europee: valutazione negativa delle proposte di riforma elettorale da parte del mondo liberaldemocratico

Si è tenuto a Roma il secondo Incontro dei rappresentanti del mondo liberaldemocratico (Alleanzalaica, Alleanza Popolare, Coodinamento dei Liberali, Federazione dei Liberali, Forum per l'Unità dei Repubblicani, Partito Liberale, Pensionati Uniti. Unità socialista-laburista) che sta costruendo la rete per presentare alle elezioni Europee una lista sulle posizioni del Partito Europeo dei Liberali, Democratici e Riformatori e dunque antagonista rispetto al Popolo della Libertà e al Partito Democratico.

In merito alla ventilata modifica della legge elettorale per le Europee, i partecipanti hanno unanimemente espressa una valutazione negativa delle proposte di introdurre una soglia di sbarramento e di abolire il voto di preferenza.

Introdurre la soglia di sbarramento appare un errore rilevante perché riduce le possibilità di rappresentanza nel Parlamento Europeo, ove non si pone il problema di una maggioranza per governare.

Viceversa, abolire il voto di preferenza costituisce una grave ferita alla democrazia, perché toglie al cittadino il diritto di scegliere i propri rappresentanti per riservarla a vertici di partito al riguardo privi di reale legittimazione. Contro l'abolizione del voto di preferenza il mondo liberale si mobiliterà ovunque, collaborerà con chiunque condivida questa battaglia e si appellerà a chi è preposto alla vigilanza costituzionale.

Nell'Incontro è stato inoltre stabilito di appoggiare la raccolta delle firme a sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare per l'abolizione delle Province.

Lascia un commento