Curare sempre i neonati, storica svolta degli scienziati

Consulta etico-religiosa di An

Il Comitato nazionale di bioetica ci dà ragione

“Il documento approvato dal Comitato nazionale di bioetica, che fissa il principio secondo cui il neonato prematuro va curato sempre, è di portata storica ed esprime esattamente la posizione che da sempre An ha tenuto sulla 194, che a nostro avviso va modificata proprio nella parte relativa ai termini sull'interruzione della gravidanza a fini terapeutici. Gli scienziati sostengono con forza il diritto alla vita, senza limiti né vincoli, in tutti i casi in cui il nenato dia segni di vitalità. Come tutti i più autorevoli esperti sostengono, le attuali possibilità della medicina consentono di mantenere in vita bambini che nascono alla 23esima, 22esima e, addirittura, 20esima settimana di gestazione. Per questo la soglia di divieto per l'aborto terapeutico va abbassata, come già accaduto in Lombardia, anche alla luce del parere del Comitato di bioetica, che considera un dovere morale e professionale dare assistenza a tutti i neonati, senza limiti temporali e senza interferenze e veti da parte dei genitori”. Lo dichiara Riccardo Pedrizzi, responsabile della Consulta etico-religiosa di An.

Lascia un commento