Nel decennale dell’AMM la Misa Criolla

Il 10 dicembre 1987 nasceva l'AMM .In occasione del decennale,dopo il Convegno sull'emigrazione a Magnacavallo alla Festa dell'Emigrante ,verrà organizzata la Messa Creola,secondo i principi del Concilio Vaticano secondo ,in onore di tutti coloro che sono emigrati e dei paesi che accolsero i nostri connazionali.Per l'occasione verrà ricordata la lettera pastorale che Papa Sarto,allora vescovo di Mantova,scrisse alla fine dell'800 a per sostenere le genti mantovane costrette a lasciare le proprie terre per andare in America. Ci auguriamo una volta definiti tutti i particolari organizzativi di poter accogliere autorità,associazioni e amici in occasione dell'evento nella nostra bella città-

Nel 1887 l'allora vescovo di Mantova Mons. Giuseppe Sarto , futuro papa Pio X, nella sua “Lettera Pastorale sull'Emigrazione”, conservata presso l'Archivio Storico-Diocesano di Mantova. Rimasto profondamente colpito dalla partenza in un paesino di provincia di centinaia di parrocchiani lamentò, come padre di tante anime, “… la partenza di tanti miei figli per luoghi dove troveranno assai di rado e con grande difficoltà quei soccorsi religiosi che con l'aiuto di Dio qui ancora non mancano…”. Si raccomandò allora di “conservare quella fede che nel S. Battesimo si era ricevuta.” raccomandando prima della partenza ” di presentarsi all'arciprete dal quale, oltre che raccomandazioni e ricordi…, avrebbero avuto copia del catechismo diocesano, qualche libretto di devozione e i certificati necessari per farsi riconoscere cristiano- cattolici”. A ciò segui un invito al Clero mantovano a adoperarsi affinché tutti gli emigranti scrivessero ai loro parroci o direttamente a lui, sui luoghi e sulle condizioni che avrebbero trovato. E visto lo stato di abbandono in cui versarono spesso i nostri emigranti, possiamo affermare che fu cosa non indifferente avere avuto l'appoggio della Chiesa in frangenti così difficili. Vale la pena ricordare che ad ogni orazione fu spesso associato un santino, sia per poter ricordare le orazioni stesse e sia per associarle ad una immagine sacra. Alcuni furono creati proprio per gli emigranti con delle preghiere che se devotamente recitate avrebbe comportato, da parte del sacro Pontefice, la concessione di un'indulgenza di ben 350 giorni a testimonianza del valore dato alle comunità italiane emigrate nel mondo.

Daniele Marconcini
Presidente dell'Associazione Mantovani nel Mondo
Vicepresidente UNAIE

Lascia un commento