Onorevole Riccardo Pedrizzi Alleanza Nazionale

TUNISIA, PEDRIZZI:

L’intervento del presidente dell’associazione interparlamentare “Amicizia Italia-Tunisia” svoltosi a Roma

. Lo ha dicharato Riccardo Pedrizzi, deputato di An e presidente dell’Associazione Interparlamenare di Amicizia Italia-Tunisia, nel corso del convegno “Il contributo del dialogo tra le culture e le civiltà nella costruzione di una zona mediterranea di pace, prosperità e sicurezza”, svoltosi oggi a Roma, in occasione del 20esimo «anniversario del cambiamento» in Tunisia (il 7 novembre 1987 è la data dell'arrivo al potere di Zinedine Ben Ali).

COMUNICATO STAMPA

PEDRIZZI (AN) E AMICI (PD)
HANNO INCONTRATO IL MINISTRO BIANCHI

I deputati Riccardo Pedrizzi (An) e Sesa Amici (Pd) hanno incontrato questa mattina il Ministro dei Trasporti Alessandro Bianchi per chiedere chiarimenti sulla localizzazione del terzo scalo laziale. Smentendo le dichiarazioni rilasciate dal suo collega Giuseppe Fioroni, che nei giorni scorsi aveva parlato di una scelta già effettuata in favore di Viterbo, il ministro Bianchi ha chiarito che nulla è stato ancora deciso e che la competenza spetta esclusivamente al suo dicastero: prevarranno, secondo Bianchi, solo valutazioni di carattere tecnico, dalla disponibilità delle aree, ai costi dell’iniziativa, all’adeguatezza delle infrastrutture e dei collegamenti con Roma, fino alle caratteristiche di volabilità. Sulla base del colloquio, i due parlamentari pontini, Pedrizzi e Amici, hanno sottolineato al ministro come la candidatura di Latina sia la più idonea, proprio sulla base dei criteri individuati dal ministero. . Bianchi ha anche sottolineato come la valutazione tecnica spetti al suo Ministero, sulla base di criteri obiettivi e che solo dopo la questione sarà trasferita alla Regione Lazio per la scelta definitiva. Amici e Pedrizzi, inoltre, nei prossimi giorni incontreranno il Ministro della Difesa Arturo Parisi nonché lo Stato Maggiore dell’ Aeronautica per conoscere gli orientamenti e le valutazioni sulla riconversione dello scalo militare di Latina.

REGIONE LAZIO, PEDRIZZI: «CLAMOROSO AUTOGOL DI MARRAZZO SUI FONDI NEGATI ALLE IMPRESE. SULLO SVILUPPO PRENDA ESEMPIO DALLA LOMBARDIA»

«Il blocco dei fondi destinati alle imprese del Lazio da parte della giunta Marrazzo, che li ha dirottati a copertura dell’ennesimo buco della sanità, è purtroppo in linea con la filosofia punitiva adottata dal centrosinistra, anche a livello nazionale, contro le classi produttive chiamate a sostenere l’onere dello sviluppo. La protesta del presidente degli industriali del Lazio, Maurizio Stirpe, è assolutamente condivisibile, anche perché il blocco dei contributi arriva dopo la beffa dell’aumento dell’Irap. Questa è la dimostrazione di come la Regione Lazio adotti una politica economica e fiscale diametralmente opposta rispetto a quella della giunta regionale lombarda, che proprio qualche giorno fa ha approvato una manovra di bilancio che riduce la pressione fiscale di 250 milioni all'anno attraverso due provvedimenti: l'abbattimento dell'addizionale Irpef (200 milioni) e la soppressione del ticket sanitario di 10 euro (50 milioni), oltre all'azzeramento della tassa sul metano (150 milioni). Complessivamente dunque si tratta di 400 milioni di sgravi a vantaggio di cittadini e imprese. Marrazzo prenda esempio da Formigoni». Lo dichiara Riccardo Pedrizzi, deputato di An, eletto nel collegio di Latina, segretario della Commissione Finanze della Camera.

L’Ufficio Stampa

Lascia un commento